Due miss con un camice nel cassetto

Simona Greco e Rosalba Capito. Nel cassetto il sogno di Salsomaggiore ed un futuro da medico. Prossima tappa del tour domani a Sannicandro di Bari

Simona Greco e Rosalba Capito condividono un sogno, diventare medici, ed un posto per la Finalissima del 23 agosto a Molfetta, ‘corsia’ preferenziale per Salsomaggiore. Simona Greco passa il turno a Monteroni, sul palco di piazza Ignazio Falconieri, dove conquista la fascia di “Miss Sasch Modella Domani”. Trentasette ragazze, sabato sera, hanno tentato l’assalto al titolo valido per l’accesso alla finale di “Miss Puglia”. All’ombra della Torre dell’Orologio, Simona, in gara con il numero 13, totalizza 25 punti: alta 176 centimetri, occhi verdi e capelli castani, ha 18 anni e viene da Brindisi. Fresca di diploma, archiviati gli studi al Liceo Scientifico, è tornata sui libri per prepararsi ai test d’ingresso per la Facoltà di Medicina. “Da quando avevo 3 anni – racconta – sogno di diventare medico. Nella ‘fantasia’ vorrei diventare un’attrice per il cinema, ma per il momento resto con i piedi per terra”. Per anni ha giocato a basket ed ama leggere e ascoltare musica. Con un punto di scarto, la tallona Claudia Lafirenze, 25enne di Palo del Colle, la numero 23 che porta a casa la fascia di “Miss Rocchetta”. Terzo posto per Annamaria Pendinelli (numero 1), di Lizzano (TA), che festeggia i suoi 18 anni compiuti oggi con il titolo di “Miss Sasch terza classificata”. Al quarto posto, “Miss Peugeot”, c’è Valentina Balestra (numero 36), 22enne di Francavilla Fontana (BR). Gioca in casa Ilaria Mazzotta (numero 17), 18enne di Monteroni, che occupa la quinta posizione con la fascia di “Miss Wella”. Il tour di Mimmo Rollo, l’esclusivista pugliese di Miss Italia che con la sua Agenzia foggiana Parole & Musica organizza ormai da anni le selezioni, ha raddoppiato ieri, a Crispiano (TA), incassando l’ennesimo successo di pubblico. Nella città delle cento masserie, sei concorrenti espugnano la centralissima Piazza Madonna della Neve e salgono sul podio. Tre taratine conquistano le prime posizioni. Rosalba Capito, in gara con il numero 5, 17 anni di Palagianello è “Miss Deborah”. Alta 168 centimetri, occhi e capelli castani, al quarto anno del Liceo Classico, ha già le idee chiare: da grande vuole diventare medico chirurgo. Tra le sue ambizioni c’è anche la recitazione, l’affascina il mondo del cinema e per 11 anni ha coltivato la passione per la danza. La seguono nella sua avventura i genitori, che hanno un bar nel centro di Palagianello. Si piazza dietro di lei Alessandra Mercurio (numero 15), 21 anni di Talsano (TA), per lei la fascia di “Miss Rocchetta”. Terzo Posto per Loredana Di Biaso (Numero 30), 20enne di Grottaglie (TA). Eleonora Bavaro (numero 4), 17 anni di Giovinazzo (BA), guadagna ancora una volta la fascia di “Miss Peugeot”, mentre il titolo di “Miss Wella” va ex aequo a Lorena Quaranta (numero 29), 18 anni di Montemesola (TA), e Iolanda Piccirillo (numero 17), 19enne di Putignano (BA). Nella due giorni di Miss Italia in Puglia, il pubblico ha rivissuto le antiche tradizioni d’Oltreoceano con uno scintillante Carnival tutto brasiliano diretto dalla coreografa ormai storica della kermesse Cintia Moreira, con il suo corpo di ballo sudamericano impegnato nelle sensazionali acrobazie della capoeira. Applausi e risate a go go per Piero e Christian, i comici siciliani del varietà “Tintoria” di Rai Tre, con le loro improvvisate lingue straniere ed una simpaticissima Miss fuori concorso. Il tutto magistralmente condotto dalla bellissima Angelica Gianfrate, presentatrice di Locorotondo che ha già calcato la passerella di Miss Italia. Prossima tappa domani a Sannicandro di Bari, in piazza Castello, a partire dalle 21. Tutte le ragazze di età compresa tra i 17 anni (a condizione che i 18 anni siano compiuti entro il 31/3/2010) ed i 26 anni (da compiersi entro il 31/12/2009) possono iscriversi al Concorso sul sito www.missitalia.rai.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!