Brucia la costa

15 ettari di macchia mediterranea sono stati distrutti dalle fiamme nella zona di Santa Cesarea Terme

Un lunedì di fuoco quello appena passato. Due gli incendi da segnalare. Il primo tra Cerfignano e Santa Cesarea Terme sviluppatosi nelle prime ore della giornata in località “Ustie”, dove per cause ancora in corso di accertamento da parte dei Carabinieri della compagnia di Maglie, al comando del maggiore Andrea Azzolini, le fiamme hanno divorato ben 15 ettari di terreno incolto, costituito da sterpaglie e macchia mediterranea. Il fuoco si è spinto fino a lambire gli impianti sportivi del paese e la struttura “Nuove Terme”, abbandonata da qualche anno e in via di riqualificazione. A domarle, dopo quattro ore di lavoro, sono stati i Vigili del fuoco di Maglie coadiuvati dal personale del Corpo forestale dello Stato di Tricase. Nell’altra frazione, Vitigliano, invece, in prossimità dell’azienda agrituristica “Il Venticello”, ignoti nella notte hanno incendiato un’autovettura Lancia Lybra di proprietà di un uomo di Francavilla Fontana, operaio giunto nella struttura ricettiva il giorno precedente. I danni della parziale distruzione del veicolo sono stati di 3mila euro, non coperti assicurazione. Accanto alla Lancia ritrovato un foglio recante minacce verosimilmente nei confronti del figlio del proprietario del locale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment