Tempi rapidi per la Galatina – Lecce

Impegno preso da parte della Provincia alla riunione a palazzo Adorno cui hanno preso parte anche il “Consorzio ASI” di Lecce, il comune di Galatina e il comune di Soleto

Si è tenuto a palazzo Adorno l'incontro programmato dalla Provincia di Lecce con i rappresentati del Consorzio ASI di Lecce e dei Sindaci di Galatina e Soleto. Oltre al Presidente Gabellone era presente anche l'Assessore provinciale Massimo Como. Si è discusso della riapertura al traffico dell’importante arteria stradale che collega Galatina al capoluogo salentino. La Provincia ha assunto l’impegno ufficiale di sbloccare la trance di finanziamenti già previsti e mai erogati per la effettiva messa in sicurezza dell’opera pubblica. Il piano d'intervento prevede l'impegno di 160 mila euro: 100 mila saranno “girati” dalla Provincia al Comune di Soleto, stazione appaltante dell’opera, mentre dei 60mila euro restanti si faranno carico in parti uguali il Consorzio ASI, il Comune di Galatina e quello di Soleto. “Al termine dei lavori – spiega l’Assessore Massimo Como – la titolarità dell’arteria sarà ceduta ai comuni che incidono su di essa, in modo da responsabilizzare le stesse municipalità di Galatina e Soleto alla manutenzione ed alla cura della strada, per cui avranno uno specifico interesse”. “L’infrastruttura è oramai chiusa dal 2007 – ha ricordato il Presidente Gabellone – , con l’aggravarsi di pericolosi cedimenti strutturali a partire dal marzo 2009. Centinaia, sono le segnalazioni e i disagi che gli automobilisti continuano a registrare quotidianamente”. “La nostra volontà – ha chiuso Gabellone – è di venire fuori da questa situazione, per tutelare l’incolumità di migliaia di salentini, ma anche i notevoli flussi turistici che su quella strada si diramano verso tutto il Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!