Gabellone prende tempo. Capone critica

Loredana Capone punta il dito contro i ritardi nella composizione della giunta provinciale. Antonio Gabellone replica

Antonio Gabellone ancora non ha sciolto i dubbi sulla composizione della sua giunta. “Il Salento attende ancora il governo” – tuona Loredana Capone -perché Palazzo dei Celestini è vuoto mentre fuori ci sono cittadini con aspettative”. “Il tempo passa – continua la Capone -, il presidente Gabellone cerca di sbrogliare la complicata matassa della sua squadra e la Provincia non ha ancora un governo. La realtà è che il Presidente appare solo se in un mese non è ancora riuscito a formare la sua squadra ed è sintomo questo di evidenti problemi politici interni. Basta ricordare che nel 2004 la giunta Pellegrino fu composta in soli sei giorni e si mise subito al lavoro per affrontare i temi emergenti”. “Ci duole constatare – prosegue – che oggi invece la provincia langue. A quanto pare i conti, a Palazzo Adorno, non tornano ancora e in attesa di un provvidenziale escamotage, che potrebbe giungere dal vicino comune di Lecce dove le sorti non sembrano migliori, Gabellone prende altro tempo e rimanda la formazione del governo ad un mese oltre le elezioni, dimostrando già limiti e incognite di una giunta che tarda a nascere”. “Ma al chiaro imbarazzo del centrodestra di non riuscire a fare quadrato – conclude la Capone – corrisponde l’attesa dei cittadini di vedere fatti concreti, dopo le innumerevoli promesse della campagna elettorale. Ma le elezioni sono finite ed è giunto il momento di mettere in pratica gli slogan sbandierati da nord a sud del Salento”. Antonio Gabellone non ci sta e replica.“Le pretese avanzate oggi da Loredana Capone risultano al quanto strumentali e prive di logicità. Come pretendere, diversamente, a 20 giorni dal mio insediamento, la risoluzione completa dei problemi che pone sul tavolo, gli stessi che – ricordo a chi sfuggisse per puro dovere di cronaca – lei stessa ha lasciato sul campo, senza nessuna soluzione seria e duratura nel tempo. Si chiede Gabellone: “Ma cosa sta dicendo, Loredana Capone? Parla di turismo, di sistemi, di ‘Salento d’Amare’, ed ha lasciato a questa Amministrazione Provinciale le cartoline delle marine invase dai rifiuti, un sistema che c’è, sì, ma è esploso anche nelle sue emergenze occupazionali, come sul caso-Adelchi, per cui personalmente mi sono speso sino ai tavoli romani, arrivando ad una soluzione, almeno per 12 mensilità di cassa integrazione, unica certezza di sopravvivenza e sostentamento per oltre 500 famiglie del Sud Salento.Come non soffermarsi sulla pesantissima eredità lasciata a questa Amministrazione Provinciale in materia di emergenza-rifiuti, dove è mancata la pianificazione dovuta e duratura nel tempo, dove le problematiche si sono rincorse e mai sono state affrontate con decisione”. E ancora incalza il presidente: “Di cosa parla oggi Loredana Capone? Quando dovrebbe prendere atto del suo fallimento amministrativo, di anni e anni da Assessore e VicePresidente che non le sono serviti e bastati ad azionare tutte le leve dello sviluppo della Provincia, tanto da condurla ad una drammatica sconfitta numerica, al 1° Turno Elettorale per tutti i partiti che la sostenevano e al 2° Turno con la sconfitta tutta personale nel confronto diretto. Lei che ha dunque posto le basi perché la stagione turistica fosse a rischio, lei che ha vanificato con la noncuranza e il disinteresse delle scelte mancate anche il lavoro dei singoli imprenditori di questa terra. Cosa pretende, allora, oggi che sono trascorsi 20 giorni dal mio insediamento e 10 anni dal suo impegno diretto nell’amministrazione pubblica della Provincia? Ebbene, Loredana Capone pretende anche di dare delle direttrici politiche sui tempi che riguardano la formazione della Giunta e sulle mie prerogative, dimostrando scarso senso istituzionale nei confronti del Presidente della Provincia che non sta facendo altro che rispettare i tempi (garantiti dalla Legge) per le valutazione migliore dell’assetto funzionale del Governo, con il contributo di tutte le parti politiche che compongono l’attuale maggioranza. Non credo la formazione di una Giunta possa iscriversi al rango di una “gara”, dove fare presto e fare la corsa sul tempo sia indice di efficacia ed efficienza: il mio unico pensiero è dare il miglior esecutivo possibile a questo territorio, reduce dalla gestione di cui ho già parlato in precedenza”. Conclude poi Antonio Gabellone: “Faccio fatica a comprendere le dietrologie e le ipotesi suggestive di presunti problemi politici o di legami a queste o quelle sorti di altre amministrazioni avanzate dalla Capone: nessun escamotage, nessun imbarazzo, nessun collegamento con l’Amministrazione Perrone, che ha percorsi autonomi e differenti dalla mia azione. Tranquillizzo Loredana Capone annunciandole che per il 23 di luglio, data già fissata per la prima convocazione del Consiglio Provinciale, lei come tutti conosceranno la composizione del Governo Provinciale, nel rispetto della Legge, dei tempi e – non da poco – delle prerogative del Presidente della Provincia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment