Impianti termici. Il Tar respinge il ricorso

Nulla di fatto per Codacons e Federcosumatori. Il giudice amministrativo ha ritenuto legittime le determinazioni dell’amministrazione comunale

La Prima Sezione di Lecce del Tar Puglia (con sentenza n. 1759/09) ha dichiarato in parte respinto ed in parte improcedibile il ricorso presentato da Codacons e Federconsumatori Puglia contro il Comune di Lecce per le delibere e le determinazioni adottate dall’ente in materia di controlli e tariffe per gli impianti termici. Lo rende noto l’assessore alle Politiche Ambientali Gianni Garrisi. In particolare, il Tar ha ritenuto rispettato il riparto di competenze tra Consiglio comunale e Giunta e di conseguenza ha ritenuto che legittimamente il Consiglio si è limitato ad approvare (con delibera n. 98/07) il Regolamento per l’esecuzione dei controlli per gli impianti termici, avendo il Consiglio competenza limitatamente alla disciplina generale delle tariffe per la fruizione di beni e servizi, e la Giunta altrettanto legittimamente ha adottato le delibere n. 640/07 e n. 12/08 contenenti una disciplina di dettaglio (quale la determinazione delle tariffe). Con riferimento al “merito” delle determinazioni tariffarie, il Tar ha rilevato che l’unico incremento a carico degli utenti era dunque quello dovuto all’imposta sul valore aggiunto, in specie derivante dal tipo di rapporto instaurato fra l’amministrazione comunale e la ditta affidataria del servizio (rapporto di concessione in luogo del precedente appalto). Quanto ai motivi di ricorso concernenti l’aggiudicazione del servizio e la cessione del ramo d’azienda dalla Asea s.r.l. alla Sea s.r.l., il Tar ha rilevato una carenza di interesse giuridicamente qualificato all’impugnazione in capo alle associazioni ricorrenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!