L’ultimo lavoro degli Anima Lunae

Il nuovo album “Sciu Sciù” è sulla linea di confine fra canzone d'autore, tradizione salentina, musica cubana e sprazzi di jazz

E’ uscito il nuovo cd degli Anima Lunae, band salentina. Una band presente da anni ai primi posti delle classifiche mondiali della musica online. Il nuovo album, Sciu Sciù, – Giuggiola in Italiano – sviluppa il singolare progetto musicale del gruppo, sulla linea di confine fra canzone d'autore, tradizione salentina, musica cubana e sprazzi di jazz; un mix frutto delle diverse sensibilità ed esperienze presenti nella band, divenuta di fatto multiculturale, che si contaminano e giungono a sintesi in un sound inconfondibile e rigorosamente acustico. I brani, con i loro testi autoironici, divertenti e scanzonati, non rinunciano a ricercate aperture strumentali (grazie anche a illustri ospiti). Soprattutto, domina l'incalzare irresistibile dei ritmi afro-cubani. Multiculturalità leggera e musicale, cantata in italiano, dialetto salentino, spagnolo maccheronico, con qualche rap in spagnolo e in yoruba, antica lingua degli schiavi in America. Canzoni attraversate da improvvisazioni jazz, passaggi di bande e processioni, una pizzica contaminata da tempi dispari, ambiguità tonali ed echi mediorientali, sulle quali aleggiano i deliziosi cori femminili che sembrano usciti da una radio anni Quaranta. Musica Latina, quindi, ma nel senso di una latinità profonda, di radici che sono la linfa e il fiume sotterraneo del Sud. Ecco spiegate le citazioni più o meno nascoste di classici greci che celebrano la gioia e la serenità del vivere e la virtù dell'ozio contemplativo. Sciu Sciù è un disco ricco di contenuti musicali, da cantare e da ballare, che conferma Anima Lunae come il gruppo più interessante di un Salento “diversamente tarantato”. Beppe Elia – voce Ronny Leva – tres cubano Mino Toriano – chitarra Paolo Pulli – ukulele Vladimir Martinez – contrabbasso Ramon Perez – Percussioni Donatella Nacci, Rosa Linda Palmisano – cori

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment