Gallipoli. Un campus per minori svantaggiati

L'estate è la stagione ideale per l'interazione e la socializzazione. Giochi e intrattentimento per superare insieme le difficoltà

Un campus estivo per consentire a minori svantaggiati di interagire e socializzare, per superare le difficoltà cui sono costretti a far fronte. È quanto ha deciso di attuare l'Amministrazione Comunale, che per il tramite dell'Ufficio Servizi Sociali, ha individuato nove adolescenti tra i 6 ed i 14 anni con particolari difficoltà a livello sociale, facendoli partecipare a dei programmi di giochi e di intrattenimento (della durata di due settimane e sino a questo mese) che si svolgono dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 13. Una vacanza originale e divertente, all'insegna dello sport, della socializzazione, in un ambiente del tutto naturale, ritenuta utile e importante per l'aspetto formativo dei ragazzi coinvolti e che mira a garantire ai genitori che i propri figli siano accolti in un ambiente sereno e controllato oltre che a stimolare l'interesse a partecipare e a vincere I propri limiti e i personali disagi, condividendo nuove esperienze di vita formative e di gruppo, soprattutto sul versante sportivo. “Abbiamo pensato”, ha sottolineato il vice sindaco con delega alle Politiche Sociali, Giovanni De Matteis, “di regalare un'opportunità di svago e di divertimento a ragazzi sfortunati, per trascorrere in modo più sereno e formativo una parte del periodo estivo. Il tutto senza dimenticare la forte valenza aggregativa e di socializzazione di questa iniziativa, che ricopre una valenza ancor più significativa se si considera l'età dei soggetti verso cui si rivolge”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!