Piano strategico Salento 2020. I progetti

All’attenzione dell’assemblea, il “Parco progetti“. L'appuntamento è per questa mattina alle ore 9.30, a Casarano presso la sala Cisi

Una giornata interamente dedicata all’illustrazione del “Parco progetti” del piano strategico “Area vasta Sud Salento” quella di oggi, a Casarano, per l’assemblea dei sindaci e del partenariato che avrà inizio alle 9.30 nella sala conferenze del Cisi, zona industriale. Funzionale all’avvio del confronto con la Regione Puglia per l’approvazione dello stralcio del primo accordo di programma quadro che, come già deliberato nel maggio scorso varrà al Sud Salento una linea di credito di oltre 33milioni di euro, il “Parco Progetti“, pubblicato sul sito www.Salento2020.it, presenta anche un ordine ragionato degli interventi e dei progetti inviati da tutti i Comuni dell’area, per ricomprendere ogni singola azione in una logica più ampia e articolata. E’ stata proprio questa impostazione, d’altra parte, a far guadagnare al Comune di Casarano e all’ufficio unico piano strategico il deciso apprezzamento della Regione nel corso del lavoro di elaborazione, per la chiarezza della visione, la linearità del percorso, la coerenza interna. Se dunque fine ultimo del Piano è “un territorio di qualità, in grado di valorizzare aspetti vocazionali, di competitività, di un uso equilibrato di risorse, di convivenza civile e d’accoglienza, in un quadro di sicurezza e di sostenibilità ambientale”, la strategia parla di competitività e innovazione, qualità territoriale, società dell’informazione ed economia della conoscenza. Il “Parco Progetti”, così inteso, è l’interfaccia concreta del lavoro, la geografia puntuale degli interventi necessari a rendere evidente il Salento che verrà. Non una sommatoria di opere, ma un lavoro che ha puntato, altro elemento valutato più che positivamente dalla Regione, a ordinare in modo trasparente tutte le istanze pervenute, valorizzandole ed esaltandole per linee sinergiche. “Quel Nuovo Salento che spesso abbiamo indicato come orizzonte necessario e ineludibile – dice Ivan De Masi, sindaco di Casarano – è qui, in un Piano Strategico e un Parco Progetti che dice come sarà il nuovo di cui tutti abbiamo bisogno e che stiamo contribuendo, concretamente, a realizzare. Non un libro dei sogni, ma una rete capillare, efficiente ed efficace, di azioni concrete, che punta a valorizzare il lavoro e la progettualità di ogni singolo Comune della nostra Area Vasta, a legare ogni singolo progetto in una quadro coerente, moltiplicandone gli effetti, e a scongiurare che anche un solo euro vada sprecato. Esempio lampante di come lo sviluppo locale, e il lavoro congiunto di istituzioni e attori sociali, sostiene e costruisce il futuro. Nella mia agenda di nuovo responsabile dell’Amministrazione comunale di Casarano, l’Area Vasta Sud Salento occupa una posizione di primissimo piano e per questo impegnerò tutte le mie energie, morali e politiche, per proseguire nel solco di una strategia che tanto consenso ha già meritato e che oggi viene ulteriormente confermata”. “La costruzione del Parco Progetti, conferma, ancora una volta, la qualità dell’intero percorso di Pianificazione strategica sviluppatosi in seno all’Area vasta Sud Salento – ribadisce Remigio Venuti, già sindaco di Casarano, e interlocutore costante del lavoro svolto -. Una qualità non scontata, esito di un grande impegno tecnico e di un accorto lavoro politico che ha portato i sessantasei sindaci a privilegiare obiettivi comuni e condivisi, in sintonia con il territorio, gli stakeholder, le parti sociali. Il punto delicato, infatti, era proprio questo: fare di 66 campanili un’unica Città vasta. Oggi credo proprio che questa sfida sia stata vinta, con l’apporto e la collaborazione di tutti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment