Agitazione tra i lavoratori Leadri srl

Teresa Bellanova scrive alla regione, invitando a completare con urgenza l’iter per l’aggiudicazione definitiva dell’appalto

Teresa Bellanova, parlamentare del PD e componente della Commissione Lavoro della Camera, è intervenuta con una lettera al Capo di Gabinetto e all’assessore ai Lavori Pubblici della Regione Puglia in riferimento allo stato di agitazione dei lavoratori della ditta Leadri srl di Sternatia, attualmente in regime di Cassa Integrazione Salariale, che oggi si trovano nei pressi della Prefettura di Lecce e lamentano, nei confronti delle istituzioni preposte, ritardi nell’aggiudicazione definitiva dell’appalto e conseguente sottoscrizione del contratto per la realizzazione della Strada Regionale n. 8 – 1° lotto: “Poiché risulterebbe concluso l’iter procedimentale relativo alla definitiva approvazione del progetto”, scrive la parlamentare, “e risulterebbe altresì confermata, anche dal Giudice Amministrativo, la validità e l’efficacia dell’originario finanziamento statale per la realizzazione dell’opera, ritengo sia di assoluta urgenza che l’Amministrazione regionale provveda a perfezionare gli atti di propria competenza relativi all’aggiudicazione definitiva dell’appalto ed alla conseguente sottoscrizione del contratto al fine di consentire il concreto avvio dei lavori. Il perfezionamento di tali atti risulterebbe utile anche e soprattutto per i lavoratori in oggetto, affinché possano rientrare nel circuito lavorativo garantendo agli stessi e alle loro famiglie una stabilità economica. Auspico dunque che questa problematica possa volgere rapidamente a una soluzione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!