Ma il cielo è sempre più blues

Riparte con un programma incredibile la settima edizione del Ruffano Trend&Blues Festival

di Andrea Fiorito Si è aperto con uno spettacolo degno dell’evento la prima tappa della settima edizione del Ruffano Trend&Blues Festival. Alle 22:00 ad infiammare Piazza del Popolo a Specchia ci hanno pensato i milanesi Blueside of Los Lopez e i Bermuda Acustic Trio, una particolare formazione tutta italiana che vanta presenze sui migliori palchi europei. Ad accogliere i due gruppi, una piazza gremita e particolarmente calorosa che fino a mezzanotte ha battuto le mani e cantato insieme agli artisti. L’evento, oramai diventato un importante appuntamento per l’estate salentina, vanta la partecipazione dei migliori artisti blues e soul della scena musicale mondiale e di anno in anno diventa sempre più un punto di riferimento per gli amanti della musica e non. Ancora più interessanti si prospettano le altre serate in programma che vedranno esibirsi l’11 luglio prossimo a Montesano i salentini Super Reverb e lo storico “Arthur Miles” con i “Caffè Espresso”; il 19 Luglio a Miggiano i “South Express Blues Band” e la partecipazione straordinaria di “Dilu Miller” con la “Cisco Blues Band”; il 24 Luglio a Ruffano i “Papaveri Rossi” (tributo a De Andrè) e “Family Style”; e poi nelle ultime due serate il 25 Luglio a Ruffano la “Brown Sugar Blues Band”, “Quartetto Dario Congedo Nadan” e “Aida Cooper & Nite Life di Lillo Rogati”. La serata finale merita un discorso a sé, infatti vedrà l’esibizione di “Solomon Burke”, il reverendo statunitense conosciuto come il Re del Rock'n'Soul, una leggenda del soul che vanta partecipazioni con Eric Clapton, Rolling Stones e Zucchero. In Italia farà solo 4 tappe della sua tournè mondiale, di cui una a Ruffano, evento imperdibile ed irripetibile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment