Esonero ticket per chi è in difficoltà

L’esenzione dal pagamento del ticket per prestazioni sanitarie è sancito da una norma inclusa nella Finanziaria solo che alcune strutture sanitarie non lo sanno

Cassintegrati, disoccupati e lavoratori in mobilità sono esentati dal pagamento del ticket per le prestazioni sanitarie. Lo stabilisce una norma inclusa nella legge finanziaria della Regione Puglia, in vigore dal 1° gennaio scorso, solo che le strutture sanitarie, in particolare i distretti socio-sanitari che sono competenti a rilasciare la relativa certificazione, non lo sanno o non sono ancora pronti per adeguarsi all’importante novità. La grave inadempienza è stata segnalata da alcuni cittadini che si trovano nelle condizioni sociali individuate dalla legge. A Casarano, presso il distretto di via Vittorio Emanuele II, alcuni cassintegrati del settore calzaturiero che hanno chiesto la certificazione dell’esenzione si sono sentiti rispondere che mancavano le disposizioni da parte della Direzione Generale dell’Asl di Lecce e che quindi gli uffici non erano ancora pronti. Eppure l'articolo 24 della legge regionale 31 dicembre 2009, n. 34 (“Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2010 e bilancio pluriennale 2010 – 2012 della Regione Puglia”) è chiarissimo e stabilisce, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2010, l'esenzione dal pagamento del ticket ed esami specialistici per i cittadini residenti in Puglia che siano in cassa integrazione ordinaria e straordinaria o disoccupati o in mobilità. L’esonero del ticket, inoltre, è esteso anche ai loro familiari. Nel basso Salento, ed in particolare nelle zone di Casarano e Tricase, il fenomeno non è marginale. Sono migliaia, infatti, i cittadini che si trovano nelle condizioni di cassintegrato (ordinario o straordinario), disoccupato o in mobilità, provenienti per la maggior parte dal comparto del Tac (tessile-abbigliamento-calzature) e, nell’ambito di questo settore, nelle due grandi fabbriche di calzature della zona (Filanto e Adelchi) e nelle imprese dell’indotto. Sarebbe opportuno che la Direzione Generale di Lecce intervenisse con urgenza sulla questione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!