Khaossia in “La rassa a bute”

La “Rassa a bute” è un’opera appartenente al genere letterario dell’opera buffa napoletana molto apprezzato nel Salento dell’epoca. A Guagnano la registrazione

I “Khaossia”, l’Ethno Ensemble specializzata nel repertorio popolare del Salento, fondata a Cremona dal salentino Luca Congedo, sono sbarcati nei giorni scorsi in una masseria immersa nella campagna di Guagnano per registrare l’anteprima della commedia “La Rassa a Bute”. Si tratta di un dramma in musica in lingua leccese, di autore ignoto, risalente presumibilmente all’inizio del Settecento, di cui si conserva solo il testo essendo stata persa la musica. La “Rassa a bute” è un’opera appartenente al genere letterario dell’opera buffa napoletana, molto apprezzato nel Salento dell’epoca e per la quale è in corso da anni un'accesa dialettica accademica riguardante la problematica linguistica. I Khaossia, su suggerimento del dott. Alessandro Laporta, direttore della Biblioteca Provinciale di Lecce (in cui è conservato il manoscritto originale) e con il prezioso aiuto di Gabriele De Blasi, giornalista, hanno voluto far rivivere l’opera, togliendola al semplice studio accademico, musicandola in alcune sezioni (arie) e giocando sull’alternanza tra recitato e recitativo, con lo stile eterogeneo che li contraddistingue: radici nella musica antica, nel folk irlandese e ovviamente in quello salentino. L’anteprima uscirà per l’etichetta cremonese CPC, con la quale i Khaossia hanno già registrato il primo cd “De Migratione” dedicato al compositore leccese Ignacio Jerusalem, emigrato in America nel Settecento e divenuto Maestro di Cappella presso la cattedrale di Città del Messico. Le musiche sono state composte e arrangiate da Fabio Turchetti. I Khaossia sono: Luca Congedo (flauti antichi e moderni), Viviana Calabrese (voce e tamburello), Giancarlo Picci (attore e voce recitante), Vincenzo Urso (voce, tamburello e chitarra), Giovanni Amati (voce e tamburello), Fabio Turchetti (organetti e clavicembalo). Khaossia Ethno Ensemble Salentina L'ensemble, fondata da Luca Congedo, nasce nel 2005 a Cremona dalle richieste di enti pubblici e da singoli appassionati del genere folk meridionale, di avere anche nel capoluogo lombardo un gruppo che rappresentasse il Salento e le sue tradizioni popolari musicali. E' formata da musicisti specializzati nell'ambito di molteplici generi, tra cui quello etnico e, nello specifico, della musica popolare salentina. I Khaossia si propongono come punto di incontro di culture musicali differenti, partendo da una predilezione nei confronti dei mondi sonori irlandesi ed ellenici. La curiosita' nei confronti dello spazio e' rafforzata, inoltre dall'attenzione e dal rispetto per il tempo, attraverso la riproprosizione di suoni antichi e, a volte, dimenticati. Alla base dell'approccio alla musica tradizionale salentina vi e' innanzitutto la conoscenza profonda del contesto storico, geografico e sociale nella quale essa si colloca. I Khaossia collaborano con il circuito di Attraversarte, progetto dell'Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Cremona, per il quale hanno realizzato concerti, stage di pizzica e registrato il sonoro del video promozionale. L'Ethno Ensemble ha avuto positivo riscontro di critica (Trade, World Music Magazine, Alias, Folker, Folkbulettin, Radio Popolare, Radio Onda d'Urto) e pubblico, esibendosi in Italia (tra cui: La Notte della Taranta 2005, Teatro Ponchielli di Cremona 2006, Appennino Folk Festival 2007, Isola Folk 2007) e all'estero (Gugginsberg 2008, Jelsa 2005, Parigi 2006). Nel 2007 esce il loro primo cd, De Migratione, per l’etichetta CPC, riscuotendo ottimo consenso di critica ed esaurendo in poco tempo la seconda ristampa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment