Il bilancio di una Notte bianca

Erano 300mila a Lecce per l'evento. Grande successo quindi per la terza edizione della Notte bianca leccese

Grande successo per la terza edizione della Notte Bianca di Lecce, un festa pacifica e gioiosa che ha coinvolto sabato l’intera città, grazie al prestigioso parterre di artisti e ai numerosissimi spettacoli distribuiti in tutto il centro storico. Una Notte Bianca che ha sperimentato una formula nuova, la variegata diversità degli spettacoli e dei temi proposti, ben 37 piazze, in ciascuna delle quali musicisti, artisti, attori, scrittori, fotografi, scultori e creativi hanno potuto mostrare agli avventori della notte leccese mille sfaccettature del proprio personale talento. Un palcoscenico aperto a tutti, in definitiva, che ha mostrato un volto ormai non più inedito della città, quello capace di stupire e meravigliare. Notte per avventori di tutte le età, una terza edizione che ha dedicato molti dei suoi angoli alla cultura, con musica d’autore, teatro, musica classica e letteratura, e anche i più piccoli hanno atteso fino a tarda ora per assistere al meraviglioso spettacolo “Il Segreto di Miragica”, musical acrobatico messo in scena dai bravissimi artisti del Parco divertimenti di Molfetta. Acrobazie e balletti hanno lasciato a bocca aperta grandi e piccini, una chiusura, per la Piazza centrale, degna di una notte meravigliosa. Molti sono stati i turisti e i visitatori che hanno invaso le strade di Lecce per la Notte Bianca, molti di più delle scorse edizioni, ma ben distribuiti nella città, per il grande e diversificato interesse di tutti gli spettacoli in programma, divisi per aree tematiche. Circa 300.000 è il bilancio complessivo, con un maggiore successo di pubblico per le aree del centro storico rispetto alle periferie. Mauro Arnesano, art director di A&C Group e a capo, insieme ad Adelaide Gerardi (direttore di produzione) dello staff della Notte Bianca di Lecce, si dichiara soddisfatto del risultato oltre le sue iniziali, già ottimistiche, aspettative: “Ancora una volta Lecce è stata capace di stupirmi, per la sua capacità di assorbire gli spunti culturali e di spettacolo e per aver accolto turisti e visitatori rendendoli partecipi di una festa che non poteva che essere gioiosa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!