Per salvaguardare le sorgenti di Torrevado

Per Pasquale Gaetani curare il territorio è un obbligo civico e anche un dovere istituzionale, invita, quindi ad un impegno collettivo

“Curare il territorio è un obbligo civico e anche un dovere istituzionale, ecco perché nella difesa del patrimonio naturale e costiero dobbiamo essere impegnati tutti secondo la logica del mutuo soccorso”. Così Pasquale Gaetani sulla cementificazione delle sorgenti di Torrevado. Quello che sta avvenendo in queste ore a Torrevado, marina di Morciano di Leuca,infatti, è un fatto di grande interesse sociale che coinvolge tutte le coscienze politiche del territorio. “La realizzazione di uno stabilimento balneare o di una qualsiasi struttura turistica è un fatto utile e da incoraggiare, tuttavia, la realizzazione di uno stabilimento balneare in un luogo come le Sorgenti di Torrevado appare tutt’altra cosa. Non posiamo trascurare o far finta di non ricordare le molteplici aggressioni che la costa salentina ha subito e che tanti danni hanno prodotto alla tenuta del territorio. Recuperare poi non sempre è possibile, certamente è difficile. Ecco perché i progetti di sviluppo turistico devono tener conto delle sensibilità dei luoghi”. Ha continuato. “Gli stabilimenti balneari, infatti, non sono avulsi dall’anima che ogni luogo custodisce- si è avviato a concludere Gaetani- appare impensabile, pertanto, che l’anima delle sorgenti dove gli anziani vanno da sempre a pescare, dove i bambini bevono l’acqua dolce che sgorga, possano accettare e digerire strutture pesanti di metallo che ne avviliscono l’immagine. Ci auguriamo che le istituzioni locali riescono a far valere il principio dell’eco-compatibilità del sistema di sviluppo locale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment