S. Maria al Bagno. Il mercato trasloca

Antonio Vaglio charisce l'iter dello spostamento

Al di là delle questioni interne al partito democratico, in cui Antonio Vaglio non vuole entrare, il sindaco ci tiene a chiarire che lo spostamento del mercato settimanale di S. Maria al Bagno non è avvenuto perchè l'amministrazione comunale, dopo un sopralluogo effettuato nei mesi scorsi insieme ai responsabili dei settori commercio, urbanistica, lavori pubblici e polizia locale, aveva deciso di soprassedere per verificare se il comparto 53, dove lo spostamento dovrebbe avvenire, poteva o meno essere risolutivo per il problema traffico a S. Maria al Bagno, e se l'occupazione dell'area a mercato avrebbe potuto o meno compromettere tale obiettivo. Queste le sue dichiarazioni: “Nella stessa circostanza venne anche valutata la possibilità di procedere al trasferimento del mercato su di un'altra zona, ma anche tale soluzione venne scartata perchè giudicata inidonea. Nei giorni scorsi la questione è stata ripresa proprio al fine di procedere allo spostamento dell'area mercatale che, comunque, non può avvenire in tempi brevi dal momento che sono necessarie una serie di azioni propedeutiche come procedere alla graduatoria degli spuntisti e individuare la migliore sistemazione logistica degli spazi riservati ai venditori nonché verificare l'effetto del traffico della marina dopo l'apertura del Comparto 53, in modo da individuare una volta per tutte la soluzione ai problemi che la marina neritina evidenzia ormai da anni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!