Adelchi. Il governo è sensibile

Ugo Lisi e Luigi Lazzari hanno chiesto una proroga della cassa integrazione ordinaria dei dipendenti

Al termine della riunione svoltasi in prefettura, i rappresentanti istituzionali del centrodestra Ugo Lisi e Luigi Lazzari, hanno immediatamente chiesto a Caludio Scajola e a Pasquale Viespoli di impegnarsi a prorogare la cassa integrazione ordinaria dei dipendenti Adelchi che terminerà già la prossima settimana, creando disagi enormi a tante famiglie. “Sia il ministro che il sottosegretario – affermano Lisi e Lazzari -, ancora una volta, hanno dimostrato grande sensibilità nei confronti del mondo del lavoro e del comparto calzaturiero salentino in particolare. Comprendiamo, infatti, perfettamente, che sia necessario agire su due leve: una di carattere sociale più immediata, che tenda a tutelare e salvaguardare le famiglie dei lavoratori, l’altra di carattere industriale e manageriale che sia finalizzata a sostenere, per quanto possibile, il rilancio dell’azienda che si è impegnata a presentare un interessante piano industriale fatto di investimenti che prevedono, tra l’atro, il rilancio pubblicitario, l’apertura di nuovi showroom e la riqualificazione delle maestranze”. “Non possiamo tuttavia – concludono i deputati – non essere ottimisti, dinanzi al clima che si è instaurato, un clima in cui la cooperazione e la collaborazione tra tutti i soggetti deputati, ha avuto la meglio su qualsiasi possibile fronte di accesa discussione. Già dalla settimana prossima saremo a Roma per sollecitare un po’ di più la già rapida attivazione del Governo Berlusconi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment