Oggi a Lecce il Miami Piano Festival

L'edizione 2009 avrà delle novità rispetto al passato. Le svela il critico musicale Eraldo Martucci che cura l’organizzazione del Festival

di Daria Ricci “La novità quest’anno è la collaborazione tra l’associazione Nireo e l’Orchestra ‘Ico’ Tito Schipa, il Comune di Lecce e la Regione Puglia. E poi solo tre euro per assistere alla serata inaugurale nell’atrio di Palazzo dei Celestini e dieci euro per seguire i concerti al Teatro Paisiello, il 26, 28 e 29 giugno e il 1° luglio” dice il critico musicale Eraldo Martucci che cura l’organizzazione del Festival. “Altra novità sarà l’ingresso gratuito la serata finale del 4 luglio in occasione della Notte Bianca”. “E’ il quarto anno che realizziamo a Lecce il Miami che è uno dei più importanti festival pianistici del mondo con la direzione artistica di Francesco Libetta, nel corso di questi anni si sono esibiti giovani talenti americani e europei di grosso spessore, anche quest’anno porteremo a Lecce pianisti di grosso calibro” dice ancora Eraldo Martucci. “E poi sarà dedicata interamente a Liszt la serata inaugurale”. ‘Lisztomania’ con la direzione del maestro Daniele Giorgi e i pianisti Kemal Gekic, Ilya Itin, Jin Ju. Ascolteremo il Concerto n 1 per pianoforte e Orchestra in Mi bem magg., Mephisto Walz n1, Concerto n.2 per pianoforte e orchestra in La magg. , Mephisto Walz 2, Totentanz – Parafrasi sul ‘Dies irae’ per pianoforte e orchestra. Il calendario di questa quarta edizione prevede anche tre appuntamenti in provincia: due a Nardò (alla Masseria Torre Nova di Portoselvaggio), il 30 giugno ed il 3 luglio, ed uno a Tricase, il 27 giugno. Tra i pianisti che hanno assicurato la loro presenza ci sono Roberto Prosseda, Kemal Gekic, Jin Ju, Ilya Itin, Gülsin Onay e Aleksandar Madzar. Il concerto del 29 giugno sarà tenuto da Giuseppe Greco, recente vincitore del Concorso pianistico “Speranza”. Le prevendite al teatro Politeama Greco.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment