Gallipoli in B. Un treno perso?

Per Giuseppe Venneri la promozione della sua città è un motivo di vanto, fa un appello quindi all'imprenditoria

“Mi auguro vivamente che il recente appello dell'onorevole e presidente Vincenzo Barba non cada nel vuoto ma venga raccolto dal mondo dell'imprenditoria territoriale, al fine di dare corpo e forza al progetto chiamato serie B, che rappresenta una conquista straordinaria e senza precedenti”. Ad intervenire, dopo le dichiarazioni del presidente della locale squadra di calcio, Vincenzo Barba su un possibile disimpegno dalla guida della società in caso di mancata compartecipazione da parte delle forze economiche del territorio, è il sindaco Giuseppe Venneri, che su tale punto aggiunge. “La serie B è un motivo di vanto e di eccellenza non solo per la nostra città ma per l'intera provincia e per tutto il Salento. Sarebbe davvero un peccato perdere questo treno con la storia e per tale motivo il mio augurio ed il mio auspicio non possono che essere quelli di dar corso ad un campionato che è stato conquistato meritatamente”. Il primo cittadino affronta anche la vicenda relativa all'ammodernamento dello stadio comunale. “Attualmente la situazione – ha spiegato – è quella che avevo già descritto nel mio ultimo intervento sulla questione. Siamo in attesa di ricevere le carte progettuali e lo studio di fattibilità da parte dei tecnici che abbiamo appositamente incaricato, documenti che restano propedeutici e necessari per fare tutte le relative valutazioni del caso, fermo restando quanto detto in precedenza e cioè che l'Amministrazione Comunale ha mosso con tempestività i passi per avviare questo procedimento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!