Burgesi chiude il 30. E i rifiuti?

Burgesi chiuderà il 30 giugno, come previsto. L'impianto di biostabilizzazione sarà pronto a settembre. Nel frattempo la spazzatura dove andrà?

“Burgesi chiuderà il prossimo 30 giugno come promesso ai cittadini”. Lo ha garantito Michele Losappio, assessore regionale all’Ambiente, in visita ieri proprio presso la discarica. Tutti contenti? Nient’affatto. Perché il nuovo impianto di biostabilizzazione aprirà a settembre. Dunque, dove andranno i rifiuti nel frattempo? Al momento non è chiaro; inizialmente si era ipotizzato potessero finire, fino al 15 settembre, nella discarica di servizio/soccorso che si trova all’interno dell’area del nuovo impianto e che prevede la presenza di cinque biotunnel, ma la proposta sembrerebbe in procinto di essere accantonata. Preoccupati i comitati civici “Io conto” di Ugento, “Burgesi pulita” di Presicce e “Burgesi noscia” di Acquarica del Capo, “Salento pulito” di Gemini, il circolo ugentino di Legambiente e l’associazione “Terra in vista” di Presicce che ieri hanno preso parte al sopralluogo. E’ probabile che essi chiederanno un incontro urgente con il prefetto Mario Tafaro e con il presidente della Regione Nichi Vendola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!