Gallipoli. Nel centro passi solo col pass

Per tutta l’estate centro storico off-limit e controllo con televarco. La città vecchia diventa area pedonale. Duemila i pass per l'accesso

Il centro storico diventa finalmente area di transito pedonale. Via i veicoli senza pass. Sino al 13 settembre il centro storico di Gallipoli sarà accessibile soltanto ai veicoli autorizzati, dalle 10 della mattina sino alle 2 di notte, diventando una zona a traffico limitato. Contestualmente il cuore della città vecchia (le vie Cardami, Pasca Raimondo, del Pozzo, Saponere, Briganti, Catalano, Angeli, Piccioli, Santa Maria, Sant'Elia, Sant'Angelo, Duomo, Garibaldi, Fontò, Sansò, Vico Mercato, Antonietta De Pace e le piazze De Amicis, Duomo e della Repubblica) diventerà area pedonale urbana, come stabilito dall'apposito regolamento approvato dal consiglio comunale lo scorso febbraio. Per questo motivo l'accesso all'isolotto gallipolino sarà consentito soltanto ai possessori di pass, rilasciati nel corso di questi mesi, visto che quelli operativi negli anni passati non hanno più alcun valore. L'azzeramento e la nuova dotazione voluta dall'Amministrazione Comunale hanno portato a una sensibile riduzione dei permessi, passati dai 6mila ai circa 2mila attuali. “La regolamentazione del traffico veicolare che partirà in queste ore – ha detto l'assessore al centro storico, Giorgio Cacciatori – ha trovato consensi ed apprezzamenti non solo tra i residenti ma anche tra gli operatori commerciali, che nella loro quasi totalità hanno approvato anche la fascia oraria del traffico limitato che abbiamo stabilito”. Va rammentato che i pass sono a disposizione di residenti, proprietari di immobili non residenti che dimostrino di avere la disponibilità del bene, titolari di attività commerciali, artigiani ed attività recettive (che possono contare su due pass, attese le esigenze relative al trasporto dei clienti ed alla gestione della struttura). Per l'attività di assistenza sanitaria o parentale (per gli ultra ottantenni), saranno concessi pass temporanei relativamente al periodo necessario alla stessa. Permessi di uguale natura saranno rilasciati (per 24 ore) ai turisti, per depositare e successivamente ritirare i propri bagagli presso le strutture ricettive in cui alloggiano, mentre è vietato l'ingresso dei mezzi pesanti (superiori a 3, 5 tonnellate). “Abbiamo operato una scelta – ha concluso l'assessore – che va verso la valorizzazione e quindi la fruizione e del centro storico, ripercorrendo i brillanti risultati maturati in tal senso negli anni passati, che hanno permesso alla città vecchia di manifestare tutto il suo fascino nei confronti di cittadini, turisti e visitatori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment