Gallipoli. Solidarietà per il “San Pio”

Giovedì l'affondamento. I tre componenti dell’equipaggio salvi per miracolo. Il sindaco esprime la sua solidarietà per l'accaduto

Giovedì mattina il peschereccio “San Pio” è affondato a largo delle acque territoriali di Gallipoli per via del maltempo. I tre membri dell’equipaggio si sono miracolosamente salvati grazie ad una zattera di emergenza e al pronto intervento degli uomini della Guardia Costiera. “Esprimo a nome mio personale e della città di Gallipoli piena solidarietà per il dramma vissuto dall'equipaggio del peschereccio ‘San Pio’, affondato in questi giorni nelle nostre acque. Manifesto al contempo sollievo perché i danni dell'inabissamento hanno riguardato soltanto l'imbarcazione, risparmiando la vita del comandante e dei marinai impiegati a bordo, che si sono dimostrati pronti nel pericolo, attivando tempestivamente le prime operazioni di salvataggio”. Così il sindaco Giuseppe Venneri è intervenuto portando il suo messaggio di solidarietà per l'accaduto. Un episodio che ha visto l'intervento immediato di un altro peschereccio, “a conferma di quella generosità e del forte senso di solidarietà che la nostra marineria aveva già dimostrato durante l'altro evento spiacevole di questi mesi, l'affondamento del Frangì e dei mezzi di soccorso della locale Capitaneria di Porto, che ha dato ulteriore prova, qualora ve ne fosse bisogno, della propria abnegazione e del proprio impegno a servizio della collettività”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!