Casarano. Un comitato pro-referendum

La sinistra unita per Casarano propone alla cittadinanza casaranese di non dimenticare la delibera del consiglio sulle biomasse

La sinistra unita per Casarano, propone alla cittadinanza casaranese, di non far cadere nel “dimenticatoio” la delibera del consiglio comunale del 15/01/09 che riguarda il seguente punto: Di essere favorevole ad indire il referendum popolare consultivo ex art. 46 Statuto Comunale , con quesito che salva , migliore o più specifica successiva determinazione avrà ad oggetto : “Esprima l’elettore se si (favorevole) o no (contrario) all’anamento e sospensione di ogni attività deliberativa del Comune di Casarano con riguardo al rilascio di permessi a costruire, autorizzazioni e licenze che riguardino insediamenti di centrali di produzione di energia elettrica prodotta o derivante da combustione od in genere trasformazione di biomasse”. “Noi come sinistra, abbiamo l’obbligo morale e civile, dinnanzi ai nostri elettori ed alla cittadinanza tutta, di continuare a profondere il massimo impegno per far si che le battaglie fatte fino ad ora non rimangano solo parole.” Per questo propone alle associazioni, ai cittadini ai futuri consiglieri comunali ed amministratori di costituire un comitato di scopo aperto a tutti (comitato pro-referendum), che persegua come obiettivo l’applicazione nel più breve tempo possibile della delibera di consiglio del 15/01/09. Inoltre propone che tale comitato s’impegni nella battaglia nazionale in opposizione a chi vuole far credere che il nucleare sia una fonte alternativa; l’unica vera energia alternativa è basata sull’autoproduzione, sui piccolissimi insediamenti eolici e fotovoltaici e soprattutto sul risparmio energetico. Se sei d'accordo a sostenere questa iniziativa, sottoscrivi con il tuo nome e cognome e indirizzo e-mail – invia la tua adesione a : [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!