Dieci indagati per la morte di una donna

Indagini sul decesso di un'anziana. Ipotesi di reato per il titolare ed il personale della casa di riposo

Ci sono dieci indagati per la morte di Luigina De Rinaldis, 74enne di Avetrana in provincia di Taranto. Si tratta delle persone che a vario titolo hanno avuto contatti con la donna nei dieci giorni precedenti il suo decesso. Tutte persone collegate alla casa di riposo di Campi Salentina nella quale la donna ha trascorso l’ultimo periodo della sua esistenza: il titolare della casa della struttura, due medici, un infermiere ed altri cinque addetti al soggiorno degli anziani. E proprio la loro identificazione ha dilatato i tempi necessari ad aprire l’inchiesta. Per esigenze istruttorie il corpo della donna si trova in una cella frigorifera dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce da dieci giorni, ovvero dal 9 giugno, giorno del decesso. E lì resterà fino al 24 giugno, quando il medico legale Roberto Vaglio procederà ad effettuare l’autopsia. L’esame potrà accertare quali siano state le cause determinanti la morte della donna; i parenti, in visita presso la casa di cura il 6 giugno, hanno riferito di averla trovata in uno stato di torpore, di incoscienza che i medici dell’ospedale di Campi definirono di coma. In quelle condizioni è rimasta fino alla fine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment