Galatina. Io Sud da scudo a patata Sieglinde

Le patate galatinesi sono rimaste invendute a causa di una distribuzione che ha penalizzato il locale

Io Sud ed Adriana Poli Bortone sostengono la campagna “Compra Sud”, a difesa dei prodotti locali, affinché non vengano schiacciati dal mercato, a danno delle specificità territoriali. La senatrice dice la sua in merito alla vicenda delle patate Sieglinde di Galatina, prodotto tipico della città salentina, rimaste invendute, probabilmente a causa di una distribuzione, che avrebbe privilegiato una tipologia di patate provenienti dai mercati esteri: “La vicenda – spiega – appartiene alla più ampia tematica dei prodotti del Sud che vengono acquistati da Noi meridionali solo nella misura del 6% con un evidente danno per l’economia del Meridione alla quale gioverebbe una forma di sano protezionismo”. “Se è vero, com’è vero – prosegue la responsabile nazionale di io Sud -, che da una ricerca di Coldiretti emerge che in nessuno dei supermercati del Salento è presente la patata di Galatina, ma si vendono patate provenienti dall’estero vecchie di 12 mesi, il doppio danno è evidente: un danno per il consumatore, che compera patate vecchie e un danno per il produttore, che rimane col suo prodotto invenduto”. “Nella missione del movimento ‘Io Sud’ – chiarisce – c’è quella del ‘Compra Sud’, una campagna di sensibilizzazione nei riguardi dei cittadini meridionali ad acquistare innanzitutto prodotti del Sud, ed una richiesta pressante alla media distribuzione del luogo perché faccia un patto fra produttori e catene commerciali garantendo la veicolazione privilegiata dei prodotti meridionali”. “Un impegno – sottolinea ancora la Poli – che ‘Io Sud’ intende portare avanti insieme con le associazioni agricole e dei consumatori e con i piccoli e medi commercianti a tutela della agricoltura, e non solo, meridionale, convinti come siamo che l’economia del territorio dipenda anche dall’educazione al consumo etico”. “Ci auguriamo – conclude – che già qualcuno risponda all’appello e che, a partire da qui, vada avanti a valanga il ‘compra sud’.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!