Gallipoli. Nuovo look in via Milano

Maquillage tutto da rifare per l'edificio scolastico “Filippo Briganti”

Nuovo look e maquillage in vista per l'edificio scolastico “Filippo Briganti” di via Milano, che rientra nei plessi di competenza dell'istituto comprensivo del Quarto Polo. L'Amministrazione Comunale ha infatti appaltato in questi giorni, tramite l'ufficio tecnico, i lavori che andranno a migliorare gli standard di sicurezza e di igiene della struttura, consentendo contestualmente il superamento delle barriere architettoniche, grazie anche alla realizzazione di un ascensore che consentirà l'accesso degli alunni diversamente abili ai piani superiori. Ad aggiudicarsi la gara pubblica, per un importo a base d'asta di 240mila euro, è stata la ditta “Tre N Impianti” di Altamura, che pertanto a breve inizierà il suo intervento presso la palazzina scolastica. “Si conferma – ha dichiarato l'assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Barba – l'attenzione riposta dall'Amministrazione Comunale nei confronti dell'edilizia scolastica, visto che i prossimi lavori in via Milano sono soltanto l'ultimo anello di una catena che in questi mesi ci ha visti impegnati su tale versante, al fine di migliorare le condizioni di apprendimento dei nostri alunni e quelle di lavoro per tutto il personale che opera nel settore dell'istruzione”. Il riferimento dell'assessore va infatti ai diversi sopralluoghi che sono stati posti in essere nei mesi scorsi, con l’ausilio del personale dell'ufficio tecnico, presso gli istituti comprensivi di competenza comunale, al fine di svolgere un check-up completo su esigenze e necessità dei plessi con cui migliorare l'offerta formativa. Sopralluoghi che sono seguiti dalla predisposizione di un piano di interventi che l'esecutivo cittadino ha stabilito proprio per migliorare gli standard di sicurezza e di fruibilità degli edifici d'istruzione primaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!