Bocca di Rosa è viva!

A Collepasso

Fosse ancora vivo il grande Fabrizio De Andrè, forse sarebbe rimasto anche lui colpito dal vedere prendere forma e vita una delle sue storie più famose. Forse Bocca di Rosa è viva e si trova a Collepasso. Forse le “comari di questo paesino” stanno pensando di non “limitarsi più all’invettiva” e di intraprendere strade più concrete.

All’incirca intorno alla mezzanotte tra il 29 e il 30 maggio un intero quartiere di Collepasso è stato sommerso di volantini manoscritti e fotocopiati recanti un messaggio molto chiaro. “Da qualche tempo nel nostro rione c’è una ZOCCOLA via le zoccole dal nostro paese firmato donne oneste” recita il primo scritto. Più sintetico il secondo: “salvaguardiamo i nostri mariti via la ZOCCOLA firmato mogli oneste”. Entrambi senza punteggiatura. Entrambi con la parola “via” sottolineata forse con l’intento di indicare come la ipotetica Bocca di Rosa risieda nello stesso quartiere: quello Tafuri, posizionato a sud del paese verso Casarano. Immediatamente sono partite le “indagini” dei più attenti osservatori della vita sociale del paese e il cerchio sembra stringersi attorno a poche sospettate, per ciò che riguarda la sopra citata donna di mal costume. Più ardua, invece, appare l’identificazione della, o delle, autrici degli scritti. Da questi, infatti, traspare una certa attenzione ai particolari: scritta con pennarello nero (presto saranno disponibili le immagini dei volantini) dai caratteri visibilmente anonimi e studiati per non avere nessun richiamo con stili o calligrafie. Nei prossimi giorni cercheremo di seguire questa simpatica vicenda e di comunicare tempestivamente ogni ulteriore sviluppo delle “indagini”. Sempre che qualcuna delle protagoniste non intenda confidarci la sua esperienza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!