Parte il Treno della Memoria

Bari. Oggi l’assemblea di presentazione dell’iniziativa. Subito dopo la partenza verso la comprensione e la memoria

BARI – Parte anche quest’anno il Treno della Memoria. L'associazione culturale ed ente di promozione sociale “Terra del Fuoco-Mediterranea“, organizzatrice del progetto sin dal 2006, anche quest'anno ha permesso a 500 ragazzi pugliesi (e 50 calabresi) di vivere quest’esperienza. Stamattina alle ore 9.30, presso l’istituto Marco Polo di Bari, avrà luogo l'assemblea di partenza alla quale interverranno l'assessore alle Politiche Giovanili, Trasparenza e Legalità della Regione Puglia, Gugliemo Minervini, il pro-rettore vicario dell’Università del Salento, Vittorio Boscia, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, il sindaco del comune di Racale, Donato Metallo, il presidente dell’Associazione Terra del Fuoco, Oliviero Alotto. Modererà l’assemblea il presidente dell’Associazione Terra del Fuoco- Mediterranea, Paolo Paticchio. Tutte le personalità sopracitate rappresentano gli enti che anche quest'anno hanno deciso di sostenere economicamente il progetto e hanno permesso ai ragazzi di 65 istituti scolastici e delle facoltà dell’Ateneo salentino di prendere parte all'iniziativa. In tanti continuano a credere in questo progetto e tutti ormai sono pienamente convinti dell'efficacia educativa di questo mezzo. La storia, la memoria, l'impegno sono un mix vincente di obiettivi, una formula che garantisce non soltanto l'immedesimazione e la comprensione della sofferenza, ma anche il coraggio di provare a modificare le piccole realtà quotidiane. Il progetto “Treno della Memoria 2014” partirà da Bari al termine dell’assemblea, iniziando un nuovo pellegrinaggio laico verso il cuore dell'Europa. Come ogni anno, forte è l'esigenza di rianimarlo.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati