Teatro contro l'emergenza ambientale

Il punto della situazione in una conferenza stampa davanti all’ingresso della discarica Burgesi. L'appuntamento è per le ore 10 di oggi

Hanno deciso di fare il punto della situazione dell’emergenza rifiuti in Provincia di Lecce, in particolare modo per quanto attiene alla discarica “Burgesi” di Ugento , l’unica discarica in Provincia (dal 2004) chiamata a sopperire alle varie emergenze susseguitesi nel tempo sino ad oggi. L’unica discarica, secondo quanto denunciano, che “sembrerebbe seguire un iter di controlli alquanto atipico; controlli e verifiche dai quali sono esclusi i soggetti terzi quali possono essere il Comune di Ugento, l’Ato Le3, i comitati di cittadini, nonostante il noto accordo in Prefettura del 7 gennaio 2009 che sanciva il sacrosanto diritto di controllo dei cittadini”. Per questo i comitati civici “Io conto” di Ugento, “Burgesi pulita” di Presicce, “Burgesi noscia” di Acquarica del capo, il circolo Legambiente “Fiordaliso di Zeus” di Ugento, l’associazione “Terra in vista” di Presicce e “Salento pulito” di Gemini hanno scelto di tenere alle ore 10 di oggi una conferenza stampa davanti all’ingresso della stessa discarica gestita dalla società Monteco s.r.l. . Oltre ai rappresentanti dei comitati di protesta (sono invitati i comitati spontanei nati a Maglie, Melpignano, Cavallino e Il Consigliere Comunale NAPOLI di Seclì), parteciperanno gli attori della compagnia Induma Teatro di Lecce che hanno raccolto la proposta che il direttore del Tacco d’Italia, Maria Luisa Mastrogiovanni, ha lanciato in occasione del laboratorio di avvio del concorso nazionale di teatro “Il centro del discorso”. Per questo Induma Teatro declamerà i passaggi più scabrosi dell’inchiesta e del dossier “Rifiuti S.p.A.” pubblicati in tre puntate sul Tacco d’Italia. Durante la conferenza stampa verranno ripercorsi, tutti i passaggi salienti che dal 24 dicembre 2008 (data del primo tavolo tecnico in Prefettura) ad oggi hanno caratterizzato il lavoro dei comitati e la totale indifferenza da parte delle istituzioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!