Oggi a Casarano D'Alema e Saglia

Si susseguono la visite dei “grandi” a Casarano. Oggi è la volta di Massimo D'Alema, ex primo ministro, e Stefano Saglia, sottosegretario allo Sviluppo economico

L’ex primo ministro Massimo D’Alema incontrerà i cittadini presso la piazzetta di via Dante, sede del comitato del candidato sindaco, Ivan De Masi. Alla manifestazione, organizzata dal Partito Democratico (inizio ore 18) interverrà anche il sindaco, Remigio Venuti, e parteciperanno oltre a De Masi anche il candidato presidente del centro-sinistra, Loredana Capone, e il candidato del Pd al Consiglio Provinciale, Gabriele Caputo. Un’ora più tardi, presso la sede del comitato di Claudio Casciaro nell’ex cinema Araldo, si terrà il terzo forum del programma elettorale del candidato del PdL su turismo, cultura e qualità della vita. Parteciperà Stefano Saglia, sottosegretario allo Sviluppo economico. Intanto, la lista “Sinistra unita per Casarano”, che sostiene il candidato sindaco Enrico Fattizzo, in una nota firmata da Marco Mastroleo, contesta l’etichetta di “rinnovamento” che sarebbe appiccicata alle due coalizioni maggiori da gran parte dell’informazione. “Conti alla mano – scrive Mastroleo – se uno dei due schieramenti più corposi vince, il ‘nuovo’ consiglio comunale sarà composto da un mix di vecchi assessori e vecchi consiglieri; e purtroppo l’8 giugno almeno 300 dei 399 candidati ‘scompariranno’ dalla vita politica attiva della nostra città. Il sottoscritto, fra un anno a bocce ferme, busserà alle loro porte di coloro che si sono candidati, per ricordarli del loro impegno ed esortarli a partecipare ognuno con il proprio punto di vista”. La coalizione di sinistra “si batterà con tutte le sue forze per far arrivare la raccolta differenziata al 40% in due anni; farà di tutto per avere un centro storico degno di una città mediterranea o meglio degna di una città pugliese; proporrà trasparenza nella concessione degli incarichi esterni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!