Gli agenti preferiscono non parlare

Ieri gli interrogatori ai primi sei agenti, sul totale di 16, accusati di associazione per delinquere e concussione. Cinque si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

Cinque dei sei poliziotti interrogati ieri in merito all’inchiesta che li vede accusati di associazione per delinquere e concussione si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti al giudice per le indagini preliminari. Tra questi anche Francesco Reggio, 56 anni, di Lecce, ispettore capo. Indicato anche come il capo dell’organizzazione specializzata nell’omettere i controlli sulle strade e sventolare le multe ai camionisti per ottenere, in cambio, somme di denaro, generi alimentari ed altri “regali”. Gli altri interrogati che anno preferito tacere sono Maurizio Rampino, 48 anni, di Trepuzzi; Fabio Cazzato, 42 anni, di Lecce; Franco Carlà, 58 anni, di Lizzanello; Maurizio Scarfone, 50 anni, di Lecce. Ha preferito parlare, invece, Angelo Rapanà, 38enne di Campi Salentina, che ha voluto difendersi dalle accuse di aver fatto visita alle aziende per riscuotere la tangenti, di aver anato una multa ad un falegname in cambio di regali da parte di questo, e di aver falsificato una relazione di servizio per consentire allo stesso Rampino di fare i suoi “giri”. Rapanà ha fornito la sua versione dei fatti che, alla luce di ciò che ha raccontato, è sembrata meno grave di quanto emerso in prima istanza. Le circostanze dell’intera inchiesta saranno chiarite meglio già con i prossimi interrogatori. Si terranno oggi e domani. A rispondere saranno chiamati Giuseppe Amenini, 47 anni, di Maglie; Paolo Centonze, 50 anni, di Cavallino; Luigi De Vincenzo, 55 anni, di Nardò; Imperio Delle Donne, 42 anni, di Martignano; Salvatore Lanza, 47 anni, di Lecce; Temistocle Parlangeli, 40 anni, di Guagnano; Anna Petrelli, 37 anni, di Lizzanello con residenza a Vernole; Giuseppe Piccinno, 52 anni, di Aradeo; Ugo Rizzello, 48 anni, di Seclì; Stefano Simonetto, 42 anni, di Nardò.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!