Mercaflor entra nel marchio d’area “Salento d’amare”

Approvato il protocollo d'intesa con la Provincia di Lecce finalizzato alla realizzazione di una rete di servizi aggregativi del marchio d’area “Salento d’amare”

Un Protocollo d’intesa tra Provincia di Lecce e Mercaflor, finalizzato alla realizzazione di una rete di servizi aggregativi del marchio d’area “Salento d’amare”, è stato approvato dalla giunta provinciale nella sua ultima seduta. Sulla base di tale accordo la Provincia concede alla società Mercaflor s.r.l. di utilizzare il marchio d’area “Salento d’amare” e si impegna a collaborare nelle attività di informazione e coinvolgimento delle aziende del settore ai fini della utilizzazione dello stesso marchio. Mercaflor, da parte sua, s’impegna: – ad utilizzare il marchio esclusivamente su materiali informativi e di comunicazione in occasione e di eventi e campagne promozionali della cultura e delle tradizioni dal Salento; – ad effettuare attività di animazione e sensibilizzazione presso le aziende florovivastiche iscritte a Mercaflor, in ordine agli obiettivi del marchio d’area “Salento d’amare”, informandole sulle modalità di domanda alla Provincia per il rilascio della concessione d’uso. “Un altro importante settore dell’economia salentina, quello della produzione floricola, entra nel marchio d’area “Salento d’amare””, dichiara Maria Rosaria Manieri, l’assessore provinciale al Marketing territoriale. “E’ un’ulteriore conferma dell’importanza del marchio ai fini della promozione del territorio e per la crescita delle aziende. Il partenariato pubblico-privato sta dando i suoi frutti, dimostrando le strategie innovative messe in atto dalla Provincia di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!