Il premio Barocco danzante. Decide Fabrizio Manini

Il coreografo è a Lecce per selezionare il corpo di ballo. Domani mattina alle ore 11 il sopralluogo di Nello Marti e dell’entourage Rai all’ex Carlo Pranzo

Un balletto d’eccellenza per impreziosire al meglio il Premio Barocco 2009 in diretta su Rai Uno il 3 giugno prossimo da Lecce. E’ quanto stanno allestendo lo staff organizzativo del Premio e l’imponente struttura di “Mamma Rai” su espresso desiderio anche del padrone di casa della 40ª edizione del Premio Barocco, il conduttore designato Carlo Conti. Per tale esigenza, tra le professionalità indiscusse del settore, il compito è stato affidato al coreografo e ballerino professionista romano, Fabrizio Mainini, che nella giornata di giovedì 14 maggio p.v. atterrerà in quel di Brindisi per poi raggiungere il capoluogo salentino insieme con l’entourage della Rai impegnato, nella stessa mattinata, nel sopralluogo tecnico e logistico nell’area dell’ex Carlo Pranzo sede ormai naturale del Premio Barocco made in Lecce. Fabrizio Mainini, al termine della visita, rimarrà in città proprio per fare casting e quindi scegliere, tra le varie espressioni del territorio autoctono e non, gli elementi più adatti per allestire il corpo di ballo della 40esima edizione del Premio. Nello specifico si cercano ballerini/e professionisti di età compresa tra i 18 e i 25 anni (per gli interessanti, scuole di danza comprese, si può inviare entro e non oltre questa settimana il proprio curriculum all’indirizzo [email protected]). Il tutto mentre il patron del Premio Barocco, Fernando Cartenì, il produttore esecutivo del Premio, Nello Marti, e tutto la staff organizzativo di concerto con l’Università del Salento, gli Enti territoriali interessati, e l’imponente struttura Rai sono al lavoro per ultimare le fasi allestimento della kermesse che per il terzo anno consecutivo si svolgerà nel capoluogo salentino e che quest’anno, come ribadito più volte, celebra il suo 40ennale di grandi successi per il territorio pugliese e salentino. E da quest’anno la Rai ha deciso altresì di investire ancor di più nel Premio Barocco (che si conferma tra gli spettacoli in diretta più seguiti e grande vetrina di promozione turistica per il territorio di Lecce e del Salento) rivoluzionando l’appeal scenografico affidato al mesagnese di origine Luigi Dell’Aglio (che per la Rai ha già firmato tra le altre le scenografie del “Festival di Sanremo” e del “Pavarotti and friends”), e potenziando notevolmente l’apporto tecnologico e dei mezzi di ripresa. Per questo e’ stato fissato nella tarda mattinata di Giovedì 14 maggio (a partire dalle ore 11), il sopralluogo dei tecnici Rai sulla location dell’ex Carlo Pranzo che ospiterà la prossima edizione del Premio Barocco al fine di mettere a punto gli accorgimenti organizzativi dell’evento proprio dal punto di vista televisivo per la regia di Riccardo Di Blasi. Ad accompagnare tecnici, capi-struttura Rai, scenografo, coreografo saranno il produttore Rai e del Premio Barocco, Nello Marti e il patron Fernando Cartenì.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment