Due incidenti sul lavoro. Bocciati in tema di sicurezza

Per Antonio Buccoliero è sempre più urgente il tema della sicurezza dopo che in mattinata, a Lecce, il crollo di un solaio al primo piano di una palazzina ha ferito i due operai che erano impegnati nei lavori di ristrutturazione

“Due diversi incidenti sul lavoro, nel volgere di appena 24 ore, e il conseguente ferimento di tre persone dimostrano come il tema della sicurezza sul lavoro sia quanto mai urgente”. È quanto dichiara Antonio Buccoliero, il vice segretario nazionale dei Popolari Udeur e consigliere della Regione Puglia dopo che in mattinata, a Lecce, il crollo di un solaio al primo piano di una palazzina ha ferito i due operai che erano impegnati nei lavori di ristrutturazione. “Il tempestivo intervento dei vigili del Fuoco e delle unità cinofile – prosegue Buccoliero – ha evitato il peggio. Le due famiglie degli operai feriti, nonostante il comprensibile spavento, hanno potuto riabbracciare i loro cari, così come la famiglia dell'operaio di Surbo che, appena ieri, è precipitato, a Brindisi, da un'altezza di cinque metri. Due diversi casi, che hanno un solo e doloroso punto in comune: la scarsa sicurezza sui posti di lavoro, soprattutto nel settore dell'edilizia. L'impegno concreto da parte di tutti, non solo istituzioni e sindacati, ma anche aziende, lavoratori, mondo della scuola e semplici cittadini, per realizzare una concreta cultura della prevenzione, può e deve rappresentare l'unica arma efficace contro gli infortuni sul lavoro e le morti bianche. La media è impressionante, se si considera che, ogni giorno, in Italia, avvengono dai due ai tre infortuni. Pur essendoci la consapevolezza che non esistono soluzioni definitive e immediate, quello della sicurezza sul lavoro deve, tuttavia, costituire un impegno primario di tutti, mondo politico in primis; ognuno di noi, soprattutto di quanti sono impegnati in un percorso di crescita economica e politica, deve avvertire il peso umano e sociale della scarsa sicurezza sui posti di lavoro. Agli operai rimasti feriti e alle loro famiglie esprimo la mia personale vicinanza – conclude Buccoliero – nella speranza che quanto accaduto in queste ore possa rappresentare uno sprone, affinché la sicurezza sul lavoro da diritto sbandierato, diventi una realtà sempre più diffusa e difesa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!