Gallipoli. Laboratorio di educazione ambientale

Sabato mattina alle ore 10, l'appuntamento finale dell'attività organizzata dal Lea (Laboratorio per l'Educazione Ambientale) e dalla Provincia, incentrata su campagne di educazione naturalistiche in un’ottica di “impatto zero”

Sarà lo splendido scenario di Punta Pizzo e del Parco Naturale di Gallipoli la location in cui si terrà, nella mattinata di sabato prossimo (a partire dalle 10), l'appuntamento finale dell'attività organizzata dal Lea (Laboratorio per l'Educazione Ambientale) e dalla Provincia, incentrata su campagne di educazione naturalistiche in un’ottica di “impatto zero”. Principali protagonisti della manifestazione, come di tutto il percorso della Lea, saranno i bambini, che avranno la possibilità di partecipare, in piccoli gruppi, a giochi legati al tema ambientale e di svolgere escursioni guidate in area Parco o ancora di degustare la “merenda ecologica”, preparata con semplici ingredienti biologici e confezionata con imballaggi biodegradabili o riciclabili. Il tutto in un vero e proprio clima di festa. All'incontrò interverranno il sindaco Giuseppe Venneri, l'assessore provinciale all'Ambiente, Gianni Scognamillo e il responsabile dell’Autorità di Gestione dell’Ente Parco di Gallipoli, Stefano Minutello. “Si tratta di un'iniziativa – ha spiegato il primo cittadino, che tra le sue deleghe ha anche quella alle Politiche Ambientali – che se da un lato valorizza l'importanza di un polmone verde, quale quello del Parco Naturale, a servizio della città e del territorio, dall'altro consente di rafforzare nei più piccoli e più in generale nei giovani l'impegno in favore di una società rispettosa del patrimonio naturalistico che la circonda, in grado di comprendere che l'ambiente è una risorsa non secondaria, da conservare nella sua integrità”. L'appuntamento, infatti, darà l'occasione per far piantare in area Parco alcuni arbusti di mirto, alloro, pino d'aleppo o leccio, in adempimento al principio di compensazione dell'anidride carbonica prodotta in seguito alle attività svolte dagli operatori e durante le uscite dei ragazzi e dei più piccoli sul territorio. La campagna di educazione ambientale della Lea, nel dettaglio, ha coinvolto quest'anno ben 28 scuole dei vari gradi per un totale di 55 appuntamenti e di circa mille e duecento alunni impegnati in attività didattico-ambientali, mentre i paesi interessati dall'iniziativa sono stati 15 (Arnesano, Acquarica del Capo, Carmiano, Casarano, Copertino, Galatina, Galatone, Gallipoli, Lecce, Maglie, Parabita, Sannicola, Squinzano, Tricase, Zollino).

Leave a Comment