Progetto Riso. Per una Provincia digitale

Attivati dei nuovi servizi on line a Calimera, Campi Salentina e Corigliano d'Otranto

Stamattina alle ore 10.30, nella sala conferenze di Palazzo Adorno, saranno presentati i nuovi servizi on line relativi alle attività produttive, ai tributi, ai bandi e concorsi pubblici, attivati nei Comuni di Calimera, Campi Salentina, Corigliano d’Otranto e Tricase, tramite l’infrastruttura tecnologica e il supporto messi a disposizione dalla Provincia di Lecce. Alla conferenza saranno presenti Loredana Capone, Giovanna Capobianco, l’assessore provinciale all’Ufficio Relazioni con il Pubblico e ai progetti di Alta Innovazione Tecnologica, Giuseppe Rosato, il sindaco di Calimera, Massimo Como, il sindaco di Campi Salentina con Ilio Palmariggi, l’assessore all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, Addolorata Manti, l’assessore alla Cultura e Bilancio di Corigliano d’Otranto con Luigi Paulì, il consigliere comunale delegato all’Innovazione tecnologica, Vito Zocco, l’assessore all’Informatizzazione di Tricase, Luigi Tundo, il dirigente ai Servizi Informatici della Provincia, Antonio Rizzo, il dirigente all’Informazione e Comunicazione della Provincia i responsabili dei Settori Attività produttive e Tributi ed i responsabili degli Uffici Relazioni con il Pubblico dei Comuni coinvolti. L’iniziativa rientra tra le attività di promozione dell’innovazione tecnologica nel territorio salentino avviate dalla Provincia di Lecce con il progetto di e-government RISO ( Rete Ionico–Salentina per l’Occupazione). Calimera, Campi Salentina, Corigliano d’Otranto e Tricase sono i primi Comuni tra quelli coinvolti tramite la Rete degli URP (sottoprogetto di R.I.S.O., che coinvolge 28 comuni salentini insieme all’Automobil Club Italia) ad attivare servizi on line, con i quali alcune pratiche burocratiche potranno essere svolte da casa o in ufficio con un semplice collegamento ad internet.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!