Scritte ingiuriose. Don Stefano solidale con Mantovano

Commentando l’episodio ingiurioso di cui è stato vittima Alfredo Mantovano lo scorso 25 aprile, don Stefano Rocca, parroco di Ugento, ricorda le scritte minatorie rivolte a Peppino Basile

“Esprimo tutta la mia vicinanza e solidarietà ad Alfredo Mantovano, sottosegretario di Stato, per l'offesa ricevuta per la seconda volta da parte di ignoti. Sicuramente un tale atto lascia tutti quanti amareggiati e offesi”. Don Stefano Rocca, parroco di Ugento, ha commentato così l’episodio ingiurioso di cui è stato vittima Alfredo Mantovano lo scorso 25 aprile. Qualcuno ha scritto delle frasi offensive nei confronti del sottosegretario prima che questi intervenisse ad un convegno pubblico organizzato presso le officine Cantelmo. “E' vero – ha continuato -, ultimamente queste frasi scritte sui muri non solo offendono e preoccupano le persone interessate, ma lasciano tutti i cittadini estremamente preoccupati”. Poi don Stefano ha rivolto un pensiero a Peppino Basile, fatto più volte bersaglio di offese scritte sui muri, troppo spesso prese sottogamba da chi invece avrebbe dovuto denunciare gesti del genere. “Pensavo in questi giorni che cosa abbia provato il nostro Peppino Basile, su quelle frasi di morte nei sui confronti rimaste per più di un anno sui muri di Ugento. Non ci fu nessuno che le abbia tolte subito, ma vennero coperte solo poche ore prima del suo funerale. Il presidente Pellegrino lo ricordò al saluto durante la funzione. E’ vero, non bisogna mai ridimensionare, neppure enfatizzare, ma occorre stare attenti, o almeno – ha concluso il parroco di Ugento – se presi i colpevoli, dare loro una giusta e congrua punizione, chiunque essi siano, fornendo così un ammonimento ad altri facinorosi. Almeno perché hanno offeso un cittadino, un politico, ed hanno deturpato l'ambiente in cui vivono”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!