Pioggia d’oro sui pesisti salentini

Nei campionati juniores di pesistica, gli atleti salentini hanno portato a casa un ricco bottino di medaglie

Continuano a brillare le stelle salentine della pesistica. Nei campionati italiani juniores, svoltisi al centro di preparazione olimpica dell’Acqua Acetosa a Roma, gli atleti salentini hanno ottenuto importantissimi risultati. Ancora una volta protagonisti di ottime prestazioni, gli atleti delle società “Body’s Training” di Copertino, “Pesistica Salentina” di Aradeo e “Body Line Center” di Leverano, si sono infatti distinti per il ricco medagliere che hanno portato a casa. In particolare, la società di Franco Alemanno ha conquistato 3 ori e tre bronzi individuali, una qualificazione europea, il primato nella classifica femminile italiana ed un importante riconoscimento. Sul gradino più alto del podio è salita Maria Grazia Alemanno (categoria kg63), medaglia d’oro nello strappo (67 kg), nello slancio (84 kg) e nel totale olimpico (151 kg). Grazie al risultato ottenuto nel totale, Maria Grazia Alemanno è poi anche entrata a far parte del prestigioso e ristretto gruppo dell’elite della pesistica internazionale con la qualifica, acquisita in pedana, di “Atleta di interesse europeo”. Un ulteriore titolo che ha garantito a lei l’accesso di diritto ai prossimi Campionati Europei Juniores in programma ad agosto in Svezia ed alla sua società il riconoscimento di Centro Federale di Alta Specializzazione. Hanno contribuito infine al primato della società nella graduatoria femminile della manifestazione anche i risultati ottenuti da Alessandra Alemanno, capace di conquistare il bronzo nello strappo, nello slancio e nel totale. Si sono invece classificati quarti Serena Vadacca e Jacopo Inguscio. C’è stata gloria anche per le altre due società leccesi che hanno partecipato alla competizione: gli atleti della “Pesistica Salentina” di Aradeo, allenati da Gaetano Martiriggiano, hanno infatti portato a casa tre bronzi con Antonio Fanuli e tre con Sara Gabrieli. Settimo posto per Dario Aluisi e per Antonio Colizzi. Infine, altre tre medaglie di bronzo sono andate a Maila Pierri della “Body Line Center” di Leverano, allenata dal padre Raffaele Pierri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!