Un colpo di pistola contro casa del comandante dei vigili

Potrebbe essere stato un episodio accidentale

Un foro nella porta di casa del comandante dei vigili. Sparato da una pistola calibro 7.65. Forze dell'ordine al lavoro per ricostruire il movente

Un colpo di pistola contro la porta di casa. Antonio Malerba, 63 anni, comandante della Polizia municipale di Collepasso se n’è accorto ieri mattina, verso le otto e mezza. Ma quel proiettile è stato sparato diverse ore prima, verso le 3.15 di sabato notte. Lo hanno accertato i carabinieri sentendo anche i vicini di casa di Malerba, residenti come lui in via Corsica. A chiedere l’intervento dei militari è stato lo stesso comandante dei vigili, una volta notato il foro nella porta. Un foro da calibro 7.65. Questa è l’unica certezza, al momento. Per individuare il movente, infatti, i carabinieri stanno battendo più piste, ma sembrerebbero propendere per il fatto accidentale. Via Corsica infatti conduce sulla strada provinciale per Galatina, che si presta a fughe e ad inseguimenti. Qualcuno potrebbe aver sparato e colpito solo casualmente la porta di casa di Malerba. Non si esclude, tuttavia, che chi ha sparato volesse colpire proprio quell’abitazione. Malerba andrà in pensione il prossimo mese, dopo 30 anni di attività. Ex sacerdote, ha conservato sempre un’indole pacifica che l’avrebbe mantenuto sempre in buoni rapporti con tutti i cittadini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!