Scoppia un ordigno. Paura a Santa Rosa

Presa di mira la videoteca Cinemastore

La bomba esplosa nella notte di sabato scorso ha fatto saltare la vetrata di ingresso ed ha deformato la saracinesca del “Cinemastore” ed ha frantumato i vetri del'abitazione al primo piano

Un forte boato ed i residenti nel quartiere Santa Rosa di Lecce si sono svegliati nel panico, nel cuore della notte di sabato scorso. Alle 3.30 per la precisione. Un ordigno è stato fatto esplodere, infatti, sul marciapiede della videoteca “Cinemastore”, di via Mincio, al civico 79. Per l’attività commerciale i danni sono stanti ingenti: la bomba ha fatto saltare la vetrata di ingresso ed ha deformato la saracinesca. Ma sarebbe potuta andare ancora peggio. Se i responsabili dell’attentato, avessero collocato l’ordigno ancora più vicino alla porta d’entrata, i portici avrebbero compresso l’onda d’urto rendendola più potente. L’abitazione al primo piano sarebbe stata risparmiata (invece i vetri si sono ridotti in frantumi) ma il negozio sarebbe potuto andare totalmente distrutto. L’esplosivo è invece stato collocato ad una certa distanza, probabilmente per evitare che la scena venisse ripresa dalle telecamere a circuito chiuso del negozio. Resta da verificare se i malviventi siano effettivamente riusciti nel proprio intento di operare indisturbati e restare ignoti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!