Gioacchino Marsano. Ovvero il nuovo direttore provinciale Inca Lecce

A partire dal mese di aprile

A partire da questo mese sarà Gioacchino Marsano il nuovo direttore provinciale dell’Inca, il patronato della Cgil Lecce

Nato a Matino il 14 novembre 1964, Marsano ha ricoperto dal 1985 l’incarico di responsabile della Camera del Lavoro di Matino; dal 1991 è responsabile di zona dell’Inca di Casarano ed è membro dell’Albo regionale dei formatori dell’Inca. “Ringrazio la Segreteria della Cgil che ha voluto puntare sull’esperienza e sulla competenza. L’Inca di Lecce continuerà a crescere nell’interesse dei lavoratori e dei cittadini”, ha dichiarato Marsano che succede, nell’incarico, a Salvatore Merola. “La tutela dei diritti è il nostro lavoro. Dalla tutela individuale alla consulenza, un punto di riferimento per milioni di italiani nel nostro Paese e all’estero”: questo il pensiero guida dell’Inca (Istituto Nazionale Confederale di Assistenza), il più grande patronato in Italia. Dal 1947 l’Inca ha sviluppato un’intensa attività di informazione, consulenza, tutela dei diritti previdenziali, sociali, assistenziali, in favore di migliaia di cittadini, lavoratori, pensionati. Dalla sua costituzione, l’Inca ha sviluppato il massimo dell’iniziativa nel campo della previdenza pubblica e privata. Fondamentali le battaglie svolte per preservare la salute negli ambienti di lavoro, realizzate in stretto collegamento con i Sindacati di categoria della Cgil. Possono essere definite storiche alcune delle sentenze dell’Arta Corte e della Cassazione promosse da INCA in materia di pensioni e di malattie professionali. Grande attenzione ha posto il patronato Inca alle problematiche assistenziali e alle prestazioni del welfare e della sanità, senza trascurare interventi di solidarietà e di aiuto a fronte di calamità naturali o di eventi particolarmente drammatici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!