Lu riu. I cicloamici hanno voglia di escursioni

Al parco di rauccio e al parco eolico

Per la tradizione del fuoriporta pasquale dei leccesi, i cicloamici propongono un’escursione al parco di rauccio e al parco eolico

Lu Riu è l'antica tradizione dei leccesi di trascorrere la giornata con una gita fuori porta, una breve scampagnata nei dintorni della città il giorno successivo al lunedì dell'Angelo. Sia il nome che la tradizione sembrerebbero affondare le radici nella venerazione dei Leccesi verso la Madonna di Loreto, la cui forma dialettale (d'Aurio, d'Auriu) è stata trasformata fino a diventare Lu Riu. La devozione dei fedeli si manifestava nel pellegrinaggio alla chiesa a Lei dedicata, edificata nell'XI secolo, situata nelle campagne a nord della città, pellegrinaggio al termine del quale i devoti erano soliti consumare i pasti portati da casa. Il Parco Eolico di Lecce, situato a Nord della Chiesetta d'Aurio, è stato costruito dalla società Inergia e si compone di 18 aerogeneratori Vestas da 2 MW ciascuno.Rauccio, che una volta, quando era più esteso e folto, era conosciuto come il “Bosco di Lecce” è uno degli ambienti naturali più belli di Puglia. Oggi, ridimensionato a circa 500 ettari, prende il nome dalla masseria del 1718 che si trova nei pressi. La zona è di grande interesse naturalistico per tutta la Comunità Europea, al punto da essere stata elevata al rango di Parco Naturale con legge regionale del 2002. Oltre a tante essenze arboree preziose, a Rauccio, infatti, ci sono anche le sorgenti dell'Idume che creano una zona umida di primaria importanza ecologica. Programma: Pedalando nella campagna a nord di Lecce, attraverseremo un territorio sconosciuto ai più, oggi inserito nel tracciato delle Ciclovie del Mediterraneo (CyronMed). Dopo aver attraversato Borgo San Nicola, percorrendo antiche strade extraurbane, giungeremo alla Chiesa della Madonna d'Aurio. Una breve visita all'edificio in stile romanico ed i Cicloamici risaliranno in sella per riprendere a pedalare in direzione del Parco Eolico, che attraverseranno su piste ottimamente battute. Prima però visiteranno un impianto per la produzione e sfruttamento di biogas da RSU (Gruppo Waste Management Italia), sovrastato da un grande impianto fotovoltaico. Dopo aver visitato la grande colombaia della Masseria Paladini, giungeranno alla Masseria e al Parco di Rauccio, ove nell'ambito delle attività previste per “Lu Riu 2009” vi saranno passeggiate naturalistiche, ciclotrekking, acquaterrario, orienteering, informazioni su energie alternative e risparmio energetico, biodiversità, giochi per bambini, degustazione e ristoro. Il rientro avverrà sempre su strade secondarie immerse nel verde, prima del tramonto. Il percorso è su una distanza di circa 35 km. ed è prevalentemente asfaltato, con poco sterrato di ottima qualità. Bici consigliate: city bike o mountain bike. Raduno a Lecce, parcheggio del Foro Boario alle ore 9:15 Partenza: ore 9:30 (in punto). Dotazioni: acqua, pranzo a sacco, dotazioni standard per combattere eventuali forature e freddo/pioggia, caschetto protettivo. Difficoltà: bassa (solo alcuni tratti di sterrato richiedono un po' di attenzione). Costi pro capite: Assicurazione (per i non soci FIAB): € 2,00

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!