Scespirismo donizettiano

Tito Schipa e José Carreras interpretano una pagina di Gaetano Donizetti

Si chiamano Asthon e Ravenswood, ma potevano chiamarsi York e Lancaster o, meglio ancora, Capuleti e Montecchi. L’importante è che i rampolli si amino a dispetto dell’odio secolare fra le rispettive famiglie. È lo scespirismo in costume di Walter Scott che si travasa in teatro e, attraverso varie versioni (Ducange, Carafa, Mazzuccato e altri), pone una delle prime pietre dell’opera romantica italiana: “Lucia di Lammermoor”, di Gaetano Donizetti e Salvatore Cammarano. L’amore frustrato porta Lucia alla follia e alla morte. L’amato Edgardo la raggiunge di corsa, facendo harakiri. Finale altamente drammatico, qui adeguatamente reso da un giovane José Carreras. Eppure, fino a quel momento, Donizetti aveva faticato a farsi riconoscere come autore tragico. Quando non era “buffo” lo chiamavano “semiserio”, perché non sapeva rinunciare al personaggio comico di contorno, ma forse anche perché il suo canto era sempre soave (tanto che nella “Lucia” il dramma a volte si poggia più sui recitativi ariosi che sulle arie). Dunque fa bene Tito Schipa a cantare quello stesso finale come un’arietta malinconica di un Nemorino che invece dell’elisir d’amore abbia ingerito un veleno ad azione ritardata e sia ora a metà strada fra cielo e terra.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!