Laforgia assolto in Appello

La Corte rigetta l'appello del pm Imerio Tramis

Secondo il pm Tramis Domenico Laforgia avrebbe avrebbe agevolato, tramite la sua società di consulenza, una truffa ai danni dello Stato da un miliardo e 250 milioni da parte del pastificio Molino del Salento. La Corte d'appello oggi ha confermato la sentenza di assoluzione

È stata riconfermata oggi dalla Corte d'Appello l'assoluzione di Domenico Laforgia, rettore dell'Università del Salento, già pronunciata in primo grado. La Corte ha rigettato l'appello del pm Imerio Tramis confermando l'estraneità di Laforgia ai fatti contestati. Secondo Tramis l'ex preside della facoltà di Ingegneria dell'Innovazione avrebbe agevolato, tramite la sua società di consulenza, una truffa da un miliardo e 250 milioni, da parte del pastificio Molino del Salento, ai danni dello Stato. “Esprimo grande soddisfazione – ha dichiarato Laforgia – per il giudizio di appello perché si supera definitivamente la sofferenza che l'impugnazione da parte del pm e, dunque, il prolungamento dell'assurda vicenda giudiziaria, mi ha provocato per ragioni umani, professionali e istituzionali. L'esito del giudizio della Corte, prodotto da parte di un Collegio di tre magistrati, conferma la totale estraneità ai fatti che mi furono contestati e ribadisce la trasparenza e la correttezza del mio operato, che evidentemente non doveva neppure essere messo in discussione. Un particolare ringraziamento – ha concluso – lo devo ai miei avvocati, Michele Laforgia del Foro di Bari e Viola Messa del Foro di Lecce, per l'ineccepibile difesa e a tutti coloro che hanno sempre creduto in me”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!