I soldi del superenalotto per gli Abruzzesi

Per fornire un aiuto concreto alla popolazione abruzzese, ridotta in ginocchio dal terremoto di domenica notte

Usare il montepremi del superenalotto per destinarlo alle necessità immediate della popolazione abruzzese duramente colpita dal tragico sisma di questi giorni. Questa l’ultima iniziativa, nata su faceboock e raccolta da Alberto Maritati

Ieri sera, ritenendo molto opportuna e interessante la proposta diffusa tramite Facebook e sottoscritta da oltre un milione di cittadini, ho scritto al Presidente del Senato Schifani. Con la lettera, firmata subito da una trentina di colleghi, tra i quali ricordo ad esempio Silvia Della Monica, Franca Chiaromonte, Anna Maria Carloni, Roberto Della Seta e Paolo Giaretta, chiediamo al presidente Schifani di intervenire autorevolmente presso il Governo, sollecitandolo ad adottare un apposito eccezionale provvedimento di urgenza finalizzato all'acquisizione del montepremi giacente presso il gioco Superenalotto. Le relative somme dovrebbero essere destinate alle necessità immediate della popolazione abruzzese duramente colpita dal tragico sisma di questi giorni. Con la lettera suggeriamo anche sommariamente il superamento dei problemi tecnico-giuridici. Mi sembra che il Governo debba dare seguito alla proposta, anche e soprattutto perché viene direttamente dai cittadini, di cui noi parlamentari ci siamo fatti doverosi interpreti. Ringrazio gli organi di informazione che vorranno dare ulteriore spazio a questa idea concreta, espressione di buon senso e della tradizionale generosità degli italiani. Alberto Maritati

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!