La Lampara: opere non autorizzate sul demanio. Sequestrate

Nardò, Santa Caterina. L’esclusivo club aveva realizzato sul demanio, in zona sottoposta a vincolo, modifiche non autorizzate a due terrazze

Lo storico ed esclusivo club aveva realizzato sul demanio modifiche non autorizzate ad una terrazza. Se ne sono accorti subito glia genti della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Gallipoli, che stavano conducendo delle verifiche lungo il litorale. Coadiuvati dalla Polizia Municipale e dai tecnici del Comune di Nardò per gli aspetti di specifica competenza, all’atto del controllo hanno riscontrato che ad una terrazza sopraelevata di circa 29 metri quadrati che ricade sul demanio marittimo e regolarmente data in concessione, la Lampara aveva apportato delle modifiche non autorizzate. I militari hanno, inoltre accertato alcune irregolarità demaniali in un’area demaniale marittima di circa 56 metri quadrati, adiacente al ristorante del club. Pertanto, dopo aver avvisato il pm di turno, hanno provveduto a porre sotto sequestro preventivo le strutture I gestori della struttura ricettiva sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per i reati di occupazione abusiva, innovazioni non autorizzate in area in concessione e realizzazione di opere edilizie in assenza/difformità del permesso a costruire in zone sottoposte a vincolo paesaggistico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!