Finanziere in manette

A suo carico più reati, tra militari ed ordinari

E' stato condotto presso il carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, per reati contemplati dal codice militare: resistenza e minacce a pubblico ufficiale, simulazione di infermità e diserzione e truffa ai danni dello Stato

E’ stato arrestato dai suoi stessi colleghi. Fabio Zecca, 38 anni, finanziere originario di Caprarica di Lecce e domiciliato in casa di parenti a Strudà, in forze alla compagnia di Latina, si trova ora nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, per reati contemplati dal codice militare. A suo carico le accuse di resistenza e minacce a pubblico ufficiale, simulazione di infermità e diserzione e truffa ai danni dello Stato. I reati in questione, sono stati accertati in occasione di una perquisizione presso l’abitazione di Zecca a Strudà, alla quale, peraltro, il finanziere si era ribellato con la forza. Lì le fiamme gialle avevano rinvenuto circa 400 fra capi di abbigliamento e calzature contraffatte. Per il possesso dei capi di abbigliamento, l'uomo è indagato per ricettazione dalla magistratura ordinaria. La indagini hanno appurato che l’uomo avesse messo in piedi un largo giro di clienti tra gli amici ed i conoscenti più fidati. Nel corso delle indagini è tra l’altro emerso che Zecca fosse costantemente in malattia dal lavoro; gli inquirenti hanno appurato però che si trattasse di falsa infermità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!