Sul candidato mezzo Pd critica Venuti

Il documento firmato da 25 componenti

Remigio Venuti, segretario cittadino del Pd, avrebbe gestito male la questione candidatura. E' ciò che si legge in un documento firmato da 25 componenti il Coordinamento del partito

Sono giornate movimentate per il Pd casaranese. 25 componenti del coordinamento cittadino (su un totale di 56; praticamente il 50%) hanno firmato un documento in cui si critica la gestione che ha portato alla candidatura a sindaco di Ivan de Masi. Il “parlamentino” del Pd, riunitosi sabato scorso alla presenza di Sandro Frisullo, vice presidente della Regione, e di Salvatore Capone, segretario provinciale, ha chiesto una convocazione del partito, che però difficilmente avverrà prima delle elezioni. La richiesta di convocazione, firmata dal 50% del componenti, tra i quali molti fedelissimi di Casciaro, vuole essere un tentativo di tenere unito il partito, e vuole arrivare a capire per quale motivo la candidatura di Casciaro, inizialmente così ben accolta, sia sfumata poi sotto le pressioni dei “cespugli” e dell’Udc. Il documento è un pesante atto d’accusa nei confronti di Remigio Venuti, sindaco di Casarano ma anche segretario cittadino del Pd, responsabile di aver gestito male, secondo quanto si legge nella nota, la questione candidatura. La candidatura di De Masi non è, ad ogni modo, in discussione, ma l’annuncio ufficiale del partito per ora è slittato di qualche giorno. E arrivano intanto le dichiarazioni dei soci fondatori di “Insieme per rinascere”: Rita De Micheli, Leonardo Colella, Giovanna Riso e Francesco Capezza. “Prima si designa la candidatura di Casciaro – dichiarano – poi lo si invita a togliere il disturbo. Si tiene la città sulla corda, senza un minimo di chiarezza, si rasenta l’imbarbarimento della vita politica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment