Festival del cinema europeo. Un plauso da Alfarano

L'assessore si complimenta con gli organizzatori dell'evento

Massimo Alfarano, l'assessore al turismo, si complimenta con gli organizzatori del Festival del cinema europeo, svoltosi nei giorni scorsi a Lecce

A conclusione del Festival del cinema europeo svoltosi nei giorni scorsi a Lecce, faccio i miei complimenti più sentiti agli organizzatori per la sapiente programmazione di questo prestigioso evento che tanti artisti di fama internazionale ha portato nel capoluogo. Star di gran reputazione e successo (Ferzan Ozpetek, Margherita Buy, Riccardo Scamarcio, Valeria Golino, Costantin Costa-Gravas per citarne qualcuno), in questi giorni hanno partecipato a questa manifestazione che è giunta alla sua decima edizione e che vede il riconoscimento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e sono rimasti, in alcuni casi ancora una volta, affascinati dalla nostra città. Da Assessore al Turismo mi preme sottolineare l’importante ricaduta che avvenimenti di questa portata hanno su Lecce e sull’intero territorio Salentino. La politica di incentivazione sugli eventi culturali e artistici che da tempo questa Amministrazione cittadina sta perseguendo, sta regalando, e continuerà a farlo, al comparto turistico importanti ricadute in termini di flussi con indubbi benefici anche di carattere economico. Il Governo cittadino ed il mio Assessorato in particolare hanno bisogno di questi progetti di grande respiro ed hanno bisogno di programmarli in piena sinergia con le associazioni di settore e con i nostri imprenditori-sostenitori di tali iniziative che dimostrano una vitalità e una capacità di fare sistema con le istituzioni che è senza pari, per favorire ulteriormente lo sviluppo del territorio, perché è grazie a nuovi eventi e a nuove manifestazioni, è grazie a nuove idee e a nuove iniziative che si attraggono i vari target turistici in tutti i mesi dell’anno. Massimo Alfarano Assessore al Turismo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!