Mostra itinerante dei tempi che furono

La mostra fotografica chiude con una grande festa

“Condizioni di vita, usi e costumi della popolazione locale nel periodo 1900-1950.” Questo il nome della mostra fotografica itinerante, che chiude i battenti. Oggi i lavori esposti saranno trasferiti presso il Tetro Illiria dove, con inizio alle ore 10,00, si svolgerà la manifestazione conclusiva dell’iniziativa in cui verranno premiate le prime tre opere

Dopo aver fatto tappa ad Andrano, Castro e Spongano da sabato è stata a Poggiardo la mostra fotografica itinerante “Condizioni di vita, usi e costumi della popolazione locale nel periodo 1900-1950.” inserita nel progetto “I giovani della terza età in allegria”, realizzato dalla Provincia di Lecce, dal Consorzio dei Comuni per i Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo e dal Comune di Poggiardo (capofila). Oggi i lavori esposti saranno trasferiti presso il Tetro Illiria dove, con inizio alle ore 10,00, si svolgerà la manifestazione conclusiva dell’iniziativa in cui verranno premiate le prime tre opere. Ricco sarà il programma della manifestazione a cui prenderanno parte tutte le classi degli Istituti comprensivi di Andrano, Diso, Poggiardo e Spongano coinvolte nella realizzazione dei lavori, i dirigenti di tali Istituti, i Sindaci dei Comuni citati e alcune associazioni di anziani. Sul palco si alterneranno “nonni” e “nipoti” in un susseguirsi di racconti, proiezioni, balli e canti all’insegna di un emozionante e gioioso e scambio generazionale. Saranno presenti oltre al Sindaco di Poggiardo Silvio Astore e all’Assessore alle Politiche Sociali Antonio Corvaglia, il Presidente del Consorzio per i Servizi Sociali dell’Ambito di Poggiardo Giuseppe Colafati e il Presidente della Provincia Giovanni Pellegrino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!