Gallipoli. Azzerati vecchi pass per il centro storico

Il Comune distribuisce i nuovi

Tutti i precedenti pass per l'accesso al centro storico sono stati azzerati, gli interessati possono recarsi presso gli uffici della Polizia municipale per richiedere i nuovi. «Stiamo procedendo con buona lena» ha detto Giorgio Cacciatori, assessore al Centro storico

L'amministrazione comunale, incassata nelle scorse settimane l'approvazione del regolamento per la disciplina della zona a traffico limitato e dell'area pedonale urbana nel centro storico, ha iniziato a muovere tutti i passi propedeutici all'attuazione del dispositivo che disciplinerà la vita della città vecchia. Per questo motivo, soprattutto in considerazione del fatto che tutti i precedenti pass per l'accesso al centro storico sono stati azzerati, gli interessati possono recarsi presso gli uffici della Polizia municipale, ubicati in via Pavia, oppure presso la portineria della sede municipale di via Antonietta De Pace, situata nel centro storico, ritirare l'apposito stampato e consegnarlo compilato presso l'Ufficio front office della Polizia municipale (dislocato nell'Ufficio verbali al pianterreno della palazzina municipale di via Pavia), con la documentazione prevista dalla stessa modulistica o consultabile presso il sito internet del Comune, www.comune.gallipoli.le.it. «Stiamo procedendo con buona lena – ha detto l'assessore al Centro storico, Giorgio Cacciatori – perchè l'utenza avente diritto possa prepararsi per tempo alla fruizione dei nuovi pass. Le scelte adottate dal nuovo regolamento, che di fatto ridurranno di oltre i due terzi i pass presenti sino a poco tempo fa, vanno nella direzione voluta dall'esecutivo cittadino, vale a dire rendere la città vecchia sempre più funzionale alle esigenze in primis dei residenti e più in generale dei cittadini e dei visitatori». I pass potranno essere consegnati a partire da mercoledì 8 aprile negli orari in cui gli uffici comunali sono aperti al pubblico. Va rammentato che a beneficiare dei nuovi pass saranno naturalmente i residenti, i proprietari di immobili non residenti che dimostrino di avere la disponibilità del bene, i titolari di esercizi commerciali, gli artigiani e le attività recettive, che potranno contare su due pass, attese le esigenze relative al trasporto dei clienti ed alla gestione della struttura. Per quanto concerne l'attività di assistenza sanitaria o parentale (per gli ultra ottantenni), saranno concessi pass temporanei relativamente al periodo necessario alla stessa. Pass di uguale natura saranno rilasciati (per 24 ore) ai turisti, per depositare e successivamente ritirare i propri bagagli presso le strutture ricettive in cui alloggiano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!